Tiscali.it
SEGUICI

L'Anm interviene a sostegno del museo Falcone-Borsellino al Tribunale di Palermo

di Italpress   
L'Anm interviene a sostegno del museo Falcone-Borsellino al Tribunale di Palermo

PALERMO (ITALPRESS) - Un accordo che rappresenta non solo un omaggio a chi ha dato la propria vita per combattere la mafia, ma anche un'affermazione della presenza capillare della magistratura in difesa della società civile: l'Anm entra formalmente all'interno della Fondazione progetto legalità, che gestisce il Museo Falcone e Borsellino (chiamato anche Bunkerino) all'interno del Tribunale di Palermo. Tale legame viene stretto proprio a ridosso del 36esimo congresso nazionale dell'Associazione, che verrà inaugurato nel pomeriggio al Teatro Massimo. L'ingresso dell'Anm nel Museo Falcone e Borsellino è stato formalizzato con un incontro al Bunkerino, cui hanno preso parte i vertici nazionali e locali dell'Associazione, il presidente della Fondazione Leonardo Agueci e Giovanni Paparcuri, storico ispiratore del Museo e operativo negli uffici insieme a Falcone già a metà anni '80. "Abbiamo accolto subito la proposta dell'Anm Palermo di contribuire fattivamente a tenere in vita il Bunkerino, simbolo di legalità e speranza nonché centro dell'attività di due magistrati eccezionali come Falcone e Borsellino - racconta Giuseppe Santalucia, presidente nazionale dell'Associazione, - Il dovere della memoria serve a trasmettere questi due modelli a cui tutti dobbiamo credere, magistrati e non: attraverso queste figure dobbiamo ricordare ai cittadini cos'è stata e cos'è la magistratura, ovvero un presidio di legalità e di tutela dei diritti".

Gli fa eco il segretario generale dell'Anm Salvatore Casciaro, il quale sottolinea come "questo non è solo un luogo di memoria, ma un riferimento per tutti i magistrati al fine di rinnovare costantemente il proprio impegno sul piano emotivo e volitivo: la nostra Associazione vuole portare avanti con forza questa testimonianza". Giuseppe Tango, presidente dell'Anm Palermo, si sofferma sul ruolo assunto dal Bunkerino nella storia giudiziaria della città ma non solo: "Voglio ringraziare coloro che si sono sforzati per recuperare il luogo in cui Falcone e Borsellino sono stati collocati per motivi di sicurezza e riservatezza dopo l'attentato a Chinnici: prima d'allora le loro stanze erano al pianterreno del Palazzo di giustizia e come tali accessibili a tutti. Questo è un sito unico, perché uniche sono le persone che hanno trascorso qui le loro giornate lavorative, magari intervallate da qualche scherzo fugace che Borsellino amava preparare nei confronti di Falcone: da qui è passata la storia giudiziaria e civile del nostro paese, per tanti magistrati il percorso vocazionale ha avuto nel Bunkerino un riferimento importante". Tango auspica che la memoria possa "diventare eredità: la nostra Associazione ha il dovere di raccoglierla e trasmetterla alla società civile e alle nuove generazioni. Con l'ingresso dell'Anm nazionale nella Fondazione progetto legalità quest'azione si potrà svolgere in modo ancora più efficace". Agueci, che il Bunkerino lo conosce a menadito, racconta cosa sia stato questo luogo prima e dopo le stragi del 1992: "Qui si respira l'aria di voler portare avanti l'eredità dei nostri colleghi: ho avuto il privilegio di stare qui quando ancora vi lavoravano Falcone e Borsellino, al tempo lavoravo a Roma ma avevo contatti con Falcone per motivi di carattere associativo e venendo qui percepivo una profonda coesione. Sono poi tornato nel 1993, dopo le stragi e dopo che mi ero trasferito per lavoro a Palermo, e si respirava un'aria completamente diversa: la magistratura palermitana era in grande fermento per l'ampio numero di collaboratori di giustizia. Al tempo non esistevano le banche dati e avevamo i primi archivi informatici, leggere gli atti processuali era emozionante perché avvertivo un senso di continuità con quanto era stato fatto gli anni precedenti". - foto xd8 Italpress - (ITALPRESS). xd8/vbo/red 10-Mag-24 15:35 .

di Italpress   
I più recenti
Ai Palermo Ladies Open Bronzetti ko agli ottavi di finale
Ai Palermo Ladies Open Bronzetti ko agli ottavi di finale
A Palermo laurea honoris causa a Michele Guardì
A Palermo laurea honoris causa a Michele Guardì
A Palermo tappa di Motore Italia, le imprese si confrontano sulle sfide
A Palermo tappa di Motore Italia, le imprese si confrontano sulle sfide
Galvagno Contro la mafia ognuno deve fare propria parte denunciando
Galvagno Contro la mafia ognuno deve fare propria parte denunciando
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...