Emodinamica, parte dalla Sicilia la sfida dell’alta formazione

Emodinamica, parte dalla Sicilia la sfida dell’alta formazione
di Italpress

PALERMO (ITALPRESS) - In Italia abbiamo 269 laboratori di Emodinamica dove annualmente vengono eseguite 300mila procedure coronariche, a cui si aggiungono gli interventi di cardiologia strutturale per il trattamento delle patologie valvolari, con sistemi all'avanguardia che richiedono un'alta specializzazione. In questo contesto sono oltre 500 - secondo i dati forniti da GISE (Società Italiana di cardiologia interventistica) - i tecnici e gli infermieri che nella quotidianità supportano i medici interventisti a lavoro nei Cath Lab (Laboratori dove vengono trattate e curate le coronaropatie e valvulopatie). Personale che va formato e aggiornato periodicamente, anche in considerazione delle continue innovazioni tecnologiche e scientifiche. E' per questo che per la prima volta in Sicilia sono stati organizzati una serie di corsi di formazione professionale, che hanno coinvolto centinaia di iscritti tra infermieri, tecnici della fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, tecnici sanitari di radiologia medica, medici specializzandi in cardiologia ed emodinamisti.Nei quattro appuntamenti del percorso di aggiornamento nazionale - sostenuto da Archigen e Boston Scientific, e patrocinato da Sici-Gise con l'accreditamento del ministero della Salute - si è discusso di molteplici tematiche: "Elettrocardiografia di base e monitoraggio del paziente in Cath Lab"; "Infezioni correlate all'assistenza in Cath Lab: nuove evidenze e sterilità. La sala ibrida", "Le metodiche di imaging coronarico: IVUS" e "Trattamento delle stenosi coronariche calcifiche: nuove metodiche e tecniche consolidate per il personale tecnico infermieristico"."La formazione online sviluppata dai colleghi siciliani nella nostra area di interesse è stata nello stesso tempo una novità e una scommessa vinta - ha spiegato il responsabile Area Nursing & Technicians di Gise Matteo Longoni (San Raffaele, Milano) - Un'idea partita dalla Sicilia, che per la sua rilevanza scientifica ha attirato l'interesse nazionale. Il personale tecnico infermieristico è parte integrante nelle procedure cliniche ed è importante che accresca le proprie competenze. Crediamo fortemente negli eventi formativi di alto livello scientifico come quello che si è appena concluso: la numerosa partecipazione evidenzia una presa di coscienza che il professionista sta sviluppando. La formazione non può limitarsi solo a quella universitaria o all'attività interna alle strutture sanitarie ma va condivisa con altri colleghi, per creare una sinergia tra le molteplici realtà e accrescere il know-how attraverso la rete".Durante i corsi si è tenuto anche un live-case dall'Ospedale "Giovanni Paolo II" di Ragusa - eseguita da Antonino Nicosia (direttore della Unità Operativa Complessa Di Cardiologia) e da Guido D'Agosta, commentato da Marco Caruso (Ospedale Civico - Palermo) e Alessio La Manna (vicepresidente GISE; Policlinico - Catania): "E' emerso il bisogno di formazione da parte della componente tecnico-infermieristica, cui abbiamo prontamente dato risposta - sottolinea Giovanni Coppola (Umberto I, Siracusa), delegato Area Nursing & Technicians Gise e responsabile scientifico dell'evento insieme a Giuseppe Raneri (Sant'Antonio Abate, Trapani) - abbiamo fornito il punto di vista scientifico della nostra Società di Cardiologia Interventistica, con un documento che contiene spunti di riflessione e strumenti di lavoro per la formazione nei Cath Lab".(ITALPRESS).