Tiscali.it
SEGUICI

Burrafato "L'aeroporto di Palermo cresce e guarda al Medio Oriente"

di Italpress   
Burrafato 'L'aeroporto di Palermo cresce e guarda al Medio Oriente'

ROMA (ITALPRESS) - "Siamo ritornati ai volumi del traffico pre-covid già nel 2022, nel 2023 siamo cresciuti di un ulteriore milione di passeggeri arrivando a 8,1 milioni e i primi quattro mesi del 2024 confermano un trend di crescita del 10%. Nel 2023 il fatto importante che ha caratterizzato quella stagionalità è stato il volo diretto Palermo-Istanbul della Turkish Airlines che ha arricchito un'offerta di voli da parte dello scalo palermitano, ma credo che sia necessario un ulteriore sforzo che in parte stiamo colmando nel 2024 con l'avvio del diretto Palermo-New York da parte del vettore italiano Neos". Così Salvatore Burrafato, presidente di Gesap, la società che gestisce l'aeroporto "Falcone e Borsellino" di Palermo, intervistato dall'Agenzia Italpress. "Bisognerebbe trovare un vettore e arricchire l'offerta con qualcosa che ci colleghi con il Medio Oriente, sarebbe particolarmente importante trovare un vettore di quell'area che possa far tappa e strutturare una base a Palermo. Siamo in piena summer, pensiamo a quella del prossimo anno ed è prematuro azzardare qualcosa al riguardo, però sarebbe un'arricchire ulteriormente l'offerta e far diventare lo scalo di Palermo la porta d'ingresso per la Sicilia". I numeri dello scalo di Palermo sono dovuti "a due fattori molto importanti che non vanno sottovalutati e che vanno tenuti insieme.

Il primo è dovuto alla situazione di crisi nel Mediterraneo, alcuni focolai stanno portando gran parte dei viaggiatori a privilegiare la scelta di Palermo per le loro vacanze; questo è un fatto congiunturale dovuto al momento geopolitico del Mediterraneo, ma che andrebbe strutturato per farlo diventare una delle fondamenta dello sviluppo turistico di questa terra. Il secondo aspetto - spiega - è che in questo anno di gestione dell'Aeroporto Falcone e Borsellino abbiamo accelerato l'iter dei lavori completando quello che era fermo per via della pandemia, questo ha determinato nuove entrate dovute soprattutto alla crescita dell'offerta del food. Ma c'è un altro elemento che mi sento di aggiungere: la gestione oculata sia delle risorse umane che complessivamente della società". In vista dell'estate "abbiamo chiuso un contratto di co-marketing con Ryanair, un vettore che aiuta i volumi di traffico in maniera significativa, abbiamo fatto la scelta di non sbilanciarci su nuove rotte fatte all'ultimo minuto ma cercare di rafforzare quelle esistenti con un maggior numero di frequenze giornaliere. Questo elemento aiuta a scegliere Palermo - prosegue - , perché avere la consapevolezza che ci sono più voli infonde una certa sicurezza. Siamo convinti che il 2025, nella stagione estiva, ci sarà l'ulteriore incremento di rotte soprattutto per le low-cost". Parlando della questione del caro-voli, Burrafato ha definito "apprezzabili le iniziative della Regione Siciliana che ha cercato per la prima volta di mitigare gli effetti. Accanto a questa nostra giusta rivendicazione, c'è il turista che sceglie il volo low-cost che sceglie di venire in Sicilia e non saranno 10 euro di aumento a scoraggiarli. Sono due esigenze diverse, tant'è che sul versante dei low-cost che portano qui i turisti da anni c'è una battaglia complementare, non al caro voli ma all'abbattimento dell'addizionale comunale che viene imposta sui biglietti. Se si riuscisse ad abbattere questa addizionale, le compagnie sarebbero ben liete di implementare i loro voli con positive ricadute nel territorio". Infine, il punto sui lavori. "Per noi è un momento di grande gioia perché al momento dell'insediamento abbiamo trovato tanti cantieri che di fatto erano fortemente rallentati dagli effetti della pandemia; abbiamo messo tutti gli attori intorno ad un tavolo, oggi possiamo dire che è stato completato il piano degli investimenti che doveva essere completato entro il 31 dicembre 2023, lo si completa a maggio 2024 con qualche leggero ritardo ma questo è quello che è stato fatto, lo scalo di Palermo ha cambiato completamente il suo approccio. Completati questi lavori - conclude -, arriva il via libera dall'Enac per iniziare il nuovo piano investimenti 2024-2027, in questi 4 anni pensiamo di spendere 68 milioni a carico di Gesap per completare i lavori e per intervenire sul fronte del green, oltre ad un forte investimento in sicurezza".- foto Italpress - (ITALPRESS). xb1/fsc/red 23-Mag-24 17:34 .

di Italpress   
I più recenti
Asp Palermo, i camper dell'open day già in 20 comuni in 2 mesi
Asp Palermo, i camper dell'open day già in 20 comuni in 2 mesi
Al Sicilia Jazz Festival protagonista l'Orchestra Jazz Siciliana
Al Sicilia Jazz Festival protagonista l'Orchestra Jazz Siciliana
A Petralia Sottana inaugurato il primo ospedale di comunità
A Petralia Sottana inaugurato il primo ospedale di comunità
Sanità, Cittadini Diverse criticità nella norma sulla concorrenza
Sanità, Cittadini Diverse criticità nella norma sulla concorrenza
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...