Zona rossa e arancione, le ordinanze. Sardegna diventa bianca

Zona rossa e arancione, le ordinanze. Sardegna diventa bianca
di Adnkronos

Zona rossa e arancione, arrivano le nuove ordinanze. Basilicata e Molise passano in zona rossa dal primo marzo con misure e regole più restrittive per contrastare la diffusione del coronavirus. Lombardia, Marche e Piemonte passano dalla zona gialla alla zona arancione, con nuovi divieti. Il ministro della Salute Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di regia Covid-19, ha firmato le nuove ordinanze, che andranno in vigore a partire da lunedì. La Sardegna passa in area bianca. "E' in corso il tavolo di confronto tra ministero della Salute, Istituto superiore di sanità e Regione Sardegna per definire le modalità attuative del passaggio", comunica una nota ministeriale. "La decisione del governo nazionale di fare entrare la regione Basilicata in zona rossa è stata presa solo ed unicamente a seguito del fatto che l'indice di trasmissibilità del virus (Rt) è passato nell'arco di soli 7 giorni da 1,04 a 1,51 - ha detto il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, nel corso della riunione in live streaming dell'unità di crisi - Ciononostante la regione Basilicata resta quella che in Italia registra la più bassa pressione ospedaliera, un tasso di letalità del virus e una percentuale fra numero di tamponi e numero di positivi fra i più bassi d'Italia". "Il governo nazionale - ha sottolineato Bardi - ha riconosciuto che la Basilicata ha molti indicatori positivi rispetto alla diffusione del virus ma la velocità con cui si è allargato il contagio, anche a seguito di alcuni casi di variante, ha determinato molta preoccupazione nel Comitato tecnico scientifico. Una velocità riscontrata, purtroppo, per un comportamento inadeguato di gruppi ristretti di cittadini che nonostante la pandemia e nonostante fossimo in zona gialla hanno ritenuto di far finta di niente. Invece il rischio è quotidiano e a prescindere dal colore occorrono sempre comportamenti adeguati e improntati alla massima prudenza". Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha lanciato un appello su Facebook a tutti i milanesi, affinché rispettino le regole nell'ultimo fine settimana in zona gialla, prima del passaggio della Regione Lombardia in arancione da lunedì. "Siamo in arancione da lunedì ma avendo davanti un week-end di giallo e bel tempo vi chiedo di tenere un comportamento corretto, fatelo per la nostra salute e per chi negli ospedali sta lavorando a ritmi che speravamo non necessari. Fatelo anche per tutti quelli che non possono lavorare, vi prego comportatevi in modo adeguato al difficile momento" le parole di Sala. "Era previsto l'arrivo di questa terza ondata ed è successo - ha aggiunto Sala - Alcuni nostri comportamenti l'hanno favorita. Ci sono immagini che tutti abbiamo in testa: i tifosi fuori da San Siro prima del derby, i Navigli pieni, che ormai sono diventati il set ideale per catturare immagine di gente assembrata ma la verità è che a volte il rispetto delle regole manca davvero. Ieri sera ho fatto un giro per la città e ho visto troppi gruppetti di persone a chiacchierare con la mascherina abbassata". I gruppi, ha osservato ancora il sindaco, "sono talmente tanti che diventano incontrollabili dalle forze dell'ordine. Detto ciò oggi rafforzeremo i controlli. Ne ho parlato con il questore, ho chiesto un intervento più deciso per questo weekend e così sarà. Capisco che siamo tutti stanchi di questa situazione, lo sono anche io. Ma c'è almeno una cosa che dovremmo aver imparato: più ce ne approfittiamo, e più paghiamo pegno".