Sardegna, Franco: impegno massimo governo su misure di sostegno

di Askanews

Roma, 28 lug. (askanews) - Il "governo è in costante contatto con la Protezione civile per definire tutti gli interventi necessari. Sarà massimo l'impegno a fornire tutto il sostegno necessario alle aree colpite anche con eventuali norme e relativa copertura finanziaria". Così il ministro dell'Economia, Daniele Franco, rispondendo al question time nell'Aula della Camera, sulle misure che ha intenzione di mettere in campo per la Sardegna colpita dagli incendi.Il ministro dopo aver espresso la "massima solidarietà" dell'esecutivo, ha assicurato che "il governo attraverso la Protezione civile e la Regione autonoma sono impegnati per affrontare l'emergenza nel modo più tempestivo ed efficace possibile"."Al momento la priorità è quella di porre in essere tutte le iniziative necessarie per la sicurezza delle persone e dei loro beni e per limitare i danni al territorio. La Protezione civile è anche impegnata - ha detto Franco - nella valutazione dei danni e sono in corso interlocuzioni con la Regione Sardegna anche al fine di valutare l'adozione di misure emergenziali di ripristino che saranno definite nei prossimi giorni". Una volta acquisite le informazioni necessarie, ha proseguito, secondo la prassi consolidata in presenza di emergenza di rilievo nazionale la Protezione valuta se ricorrono i presupposti dello stato di emergenza".La delibera dello stato di emergenza, ha ricordato Franco, può disporre lo "stanziamento di risorse a valere sul fondo emergenze nazionali per i primi interventi emergenziali per l'assistenza alla popolazione e il ripristino dei servizi pubblici e delle infrastrutture strategiche. Con successiva delibera possono essere assegnate ulteriori risorse per immediato sostegno al tessuto economico e sociale. La ricognizione delle aree interessate che sarà contenuta nella delibera può far seguito la sospesione degli adempimenti tributari".Nella fase successiva il governo può "approvare ulteriori misure di sostegno per la popolazione colpita, per il rivvio dell'attività economica e per il ripristino del territorio", ha concluso il ministro.