Incidenti stradali Nord Isola, 31 morti

Incidenti stradali Nord Isola, 31 morti
di ANSA

(ANSA) - CAGLIARI, 17 DIC - Trentuno morti, 1.940 feriti, 1.296 incidenti. Sono i numeri degli incidenti stradali che si sono verificati nel nord Sardegna nel corso del 2017. Nel 2018 ci sono stati, invece, anella sola città di Sassari 879 incidenti, con 6 morti e 517 feriti. La maggior parte di questi si sono verificati a causa di una guida distratta (148) o di una mancata precedenza (144). In 56 casi il guidatore era ubriaco e in 16 sotto l'effetto di sostanze stupefacenti. La gran parte degli incidenti si è verificato nella zona industriale di Predda Niedda e nelle strade di accesso alla città. I dati sono stati illustrati a Sassari dal comandante della Polizia locale, Gianni Serra, durante il convegno "Mai più lenzuoli bianchi", incontro con gli studenti delle scuole superiori come conclusione del percorso di sensibilizzazione su legalità, bullismo, consumo di alcol e sostanze stupefacenti avviato dal Comando in collaborazione con gli istituti scolastici della città. La maggior parte degli incidenti del 2017 si è verificata con scontro frontale-laterale (565) è ha causato 9 morti, tanti quanti ne hanno causato i 102 scontri frontali. Per 143 volte le auto sono uscite fuori strada determinando la morte di 5 persone, 222 sono stati i tamponamenti e 154 volte sono stati investiti dei pedoni, causando 1 morto e 173 feriti. Oltre al comandante della Polizia locale, al convegno sono intervenuti l'assessore comunale Antonio Piu, i magistrati del Tribunale per i minorenni di Sassari, Luisella Fenu e Annina Sardara, e il presidente della Fondazione Carolina, Paolo Picchio. Al termine è stato premiato il miglior cortometraggio realizzato dai ragazzi delle scuole che hanno partecipato al concorso "Un cortometraggio per la vita": il primo premio è stato assegnato ai ragazzi del liceo artistico "Filippo Figari", con il film Passatopresente, secondi classificati gli studenti dell'istituto tecnico "Salvatore Ruju" con il corto Metamorfosi e terzi i ragazzi del liceo "Azuni" con il lavoro "Post-it". (ANSA).