Il fratello di Becciu alla Zambrano: "Porta la registrazione del Papa, ordine di A"

La telefonata con Papa Francesco, che il cardinale Angelo Becciu avrebbe registrato all'insaputa del pontefice, risale al 24 luglio 2021. Cinque minuti e trentasette secondi di conversazione

di TiscaliNews/Adnkronos

"Porta la registrazione", "ordine di A". E' quanto scrive in una chat Mario Becciu, fratello dell'ex sostituto della segreteria di Stato vaticana, a Maria Luisa Zambrano, l'amica di famiglia che, a quanto emerge da un'informativa della Guardia di Finanza di Oristano che l'Adnkronos ha potuto visionare, avrebbe registrato la telefonata con il Papa.

La telefonata con Papa Francesco, che il cardinale Angelo Becciu avrebbe registrato all'insaputa del pontefice, risale al 24 luglio 2021. Cinque minuti e trentasette secondi di conversazione, avvenuti pochi giorni dopo le dimissioni di Bergoglio dall'ospedale dove aveva subito una complessa operazione, rintracciati dalla Gdf nell'ambito di un'inchiesta della procura di Sassari sulla Caritas di Ozieri, su due telefoni e un tablet appartenenti a una degli indagati, Maria Luisa Zambrano appunto, che, secondo i finanzieri, avrebbe svolto "un ruolo attivo nella realizzazione delle operazioni di registrazione", e la cui voce si sente anche sulla traccia, pochi minuti prima dell'inizio della conversazione.

Lo scambio di messaggi tra Mario Becciu e la Zambrano avviene il giorno dopo la telefonata, domenica 25 luglio, la mattina presto. Mario le dice che l'aspettano "a pranzo con Angelino". Poi la raccomandazione di portare la registrazione, per ordine di "A", presumibilmente Angelo Becciu. Una circostanza che potrebbe sembrare in contrasto con le voci trapelate sull'ira del cardinale per la registrazione della telefonata con il Papa e sulla sua richiesta che venisse distrutta.