Tiscali.it
SEGUICI

Allarme carceri sarde, “Ormai enormi manicomi”

di Agenzia DIRE   
Allarme carceri sarde, “Ormai enormi manicomi”

CAGLIARI - Le carceri sarde- ma il ragionamento può essere esteso naturalmente a tutte quelle dello Stivale- non possono più essere definite istituti di pena, ma enormi ospedali psichiatrici, "dove basta entrare per poche ore per uscirne frastornati dalle urla e dal disagio che si respira". Ricorre spesso la parola "disagio" nel ragionamento di Irene Testa, Garante sarda per le persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, nella conferenza stampa convocata questa mattina in Consiglio regionale per fare il punto sulla situazione delle case circondariali dell'isola, al 2023. Presenti all'appuntamento con i giornalisti il vicepresidente del Consiglio regionale, Giuseppe Frau, la presidente della commissione Sanità, Carla Fundoni, e i garanti comunali di Cagliari Gianni Loy, di Alghero Carmelo Piras, di Nuoro Giovanna Serra, di Oristano Paolo Mocci, di Sassari Gianfranco Favini. Una situazione, quella sarda, che rispecchia quella nazionale ma con alcune eccezioni. Il tasso di affollamento in Italia è del 119,3% contro un dato isolano più basso: Cagliari-Uta si attesta al 107%, Sassari al 104%, Tempio al 104%, Oristano all'88%, Nuoro al 50%, Oristano-Massama al 53%.

"Le strutture sono vecchie, fatiscenti, non adatte alla rieducazione del detenuto- spiega Testa-. Questo nonostante gli oltre 3,5 miliardi che si spendono ogni anno a livello nazionale per gestire il comparto".Il dato dei suicidi è allarmante: in Italia nel 2022 sono stati 84, nel 2023 68, nei primi mesi del 2024 44. In Sardegna nel 2023 ci sono stati 3 suicidi, 2 a Cagliari, uno a Sassari. Ma la situazione di grande difficoltà nell'isola si evidenzia nel gran numero di tentati suicidi- 96 in tutto- negli atti di autolesionismo e nei detenuti con patologie costretti a vivere in celle malsane non adatte a chi ha problemi di salute."Le carceri sono piene di detenuti con problemi psichiatrici- le parole di Testa- nelle mie ispezioni ho visto persone che bevevano la propria urina, altre che lanciavano gli escrementi nei corridoi. Sono cose forti da dire, ma la realtà dei nostri istituti è questa". Spesso, ricorda la Garante, "queste persone devono essere messe nelle cosiddette 'celle lisce', ormai una prassi: ma mi domando se sia un Paese civile e democratico quello che fa vivere i detenuti senza materasso, senza lenzuola, senza coperte- addirittura senza magliette- per evitare che possano utilizzarli per suicidarsi. Possiamo accettare tutto questo?". La politica, insiste, "deve prendersi la responsabilità di quanto accade nelle carceri, ma finora ha preferito nascondere le criticità. Ormai non c'è quasi più il reato nei nostri istituti, ma il disagio".Per quanto riguarda la situazione prettamente sarda, gli istituti più difficili da gestire sono quelli di Cagliari-Uta e Sassari-Bancali, spiega Testa, quelli dove è presente anche un sovraffollamento di reclusi: "Il paradosso è che le nostre colonie penali sono completamente abbandonate e scarsamente utilizzate- sottolinea la Garante-. Abbiamo di fatto delle carceri strapiene, e le colonie semivuote. Anche questa è una vergogna".Capitolo a parte il Cpr di Macomer, "un ex carcere di sicurezza che rinchiude per 18 mesi migranti che non hanno commesso alcun reato- ricorda Testa-. Con il paradosso che, non essendo formalmente un istituto di pena, non è prevista nessuna attività trattamentale. Di conseguenza queste persone passano tutto il giorno sedute nei corridoi senza fare niente".

di Agenzia DIRE   
I più recenti
Emergenza siccità: Sardegna avvia iter dichiarazione calamità
Emergenza siccità: Sardegna avvia iter dichiarazione calamità
Le soluzioni per la mobilità elettrica di A2A arrivano in Sardegna
Le soluzioni per la mobilità elettrica di A2A arrivano in Sardegna
Incendi Oristano, Mariafrancesca Serra (Coldiretti): Oggi Sardegna piange, in fumo nostri sacrifici
Incendi Oristano, Mariafrancesca Serra (Coldiretti): Oggi Sardegna piange, in fumo nostri sacrifici
Salvini: A giugno prezzo voli da Sicilia e Sardegna più basso rispetto al 2023
Salvini: A giugno prezzo voli da Sicilia e Sardegna più basso rispetto al 2023
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...