Puglia, a Lecce attivati 16 posti in terapia intensiva

Puglia, a Lecce attivati 16 posti in terapia intensiva
di Italpress

BARI (ITALPRESS) - "Questa è una giornata importante perché stiamo rafforzando ulteriormente il dispositivo di sicurezza Covid, ma contemporaneamente stiamo lasciando in eredità alla Puglia il raddoppio di tutto il sistema della terapia intensiva". Così il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano oggi a Lecce per l'attivazione di sedici posti letto di terapia intensiva respiratoria per pazienti Covid, ad DEA "V. Fazzi". "Abbiamo un paracadute per una terza ondata - ha proseguito Emiliano - che speriamo non ci sia o quantomeno non sia drammatica come la seconda, che è stata venti volte più forte di quella di marzo e aprile. Ciononostante, il sistema sanitario pugliese sebbene con affanno è riuscito a fronteggiarla. Noi non siamo mai stati una zona rossa, nonostante i contagi altissimi e questo è stato possibile grazie al sacrificio degli operatori sanitari e al sacrificio dell'organizzazione sanitaria che ha riconvertito tanti ospedali". "Il DEA - ha continuato il Presidente Emiliano - è una delle strutture più importanti della Puglia. È bene ricordare che quando sono diventato Presidente della Regione il DEA era un'opera bloccata da anni, ma siamo riusciti a sbloccarla perché era necessaria ed essenziale sia per le emergenze che per la quotidianità. È stato un lavoro corale fantastico e di questo ingrazio il Direttore Generale Rollo". Considerato che al quarto piano del DEA vi erano ambienti idonei ad incrementare il numero di posti di terapia intensiva, la ASL Lecce, anche al fine di contenere una ipotetica terza ondata Covid, ha attivato 16 posti di terapia intensiva respiratoria immediatamente convertibili in posti di terapia intensiva generale. In questo modo ha garantito l'offerta di 60 posti letto di area pneumologica di cui 16 ad alto impegno assistenziale e i restanti 44 a medio impegno. Con il completamento dei lavori di ristrutturazione, tutte le tecnologie saranno successivamente ricollocate nella loro sede definitiva. (ITALPRESS). pc/com 19-Gen-21 15:43