Puglia, inaugurata nuova sede Arpa a Taranto

Puglia, inaugurata nuova sede Arpa a Taranto
di Italpress

BARI (ITALPRESS) - Sono stati inaugurati oggi i nuovi laboratori del Dipartimento provinciale Arpa di Taranto" presso l'ex Ospedale Testa, in Contrada Rondinella a Taranto, con ammodernamento strutturale e innovazione tecnologica. Sono intervenuti il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il presidente dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra), Stefano Laporta, il direttore generale dell'Arpa Puglia, Vito Bruno, il direttore del Dipartimento provinciale Arpa di Taranto, Vittorio Esposito. Dopo la benedizione dei locali da parte del vescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, si è svolto il taglio del nastro inaugurale. L'appuntamento si è svolto nel rispetto delle misure di contrasto e contenimento dell'emergenza Covid-19. "Stiamo potenziando - ha detto il presidente Michele Emiliano - tutto quello che è possibile potenziare per avere una capacità di rilevare ogni dato ambientale. Siamo riusciti in questi anni a rafforzare Arpa Puglia e a fare moltissime assunzioni, molte delle quali destinate proprio a Taranto. Pensiamo di potere accompagnare questo lavoro che ci attende nell'area tarantina avendo come punto di riferimento fondamentale, come è già stato negli anni passati, Arpa Puglia e le sue dotazioni in tutti i settori, compresa l'Agenzia del Mare che per noi è un fiore all'occhiello. Tante sono le cose avvenute in questi cinque anni. Adesso speriamo di riuscire a consolidare tutti questi passaggi. Taranto oggi ha una dotazione infrastrutturale, anche all'Arpa, molto più importante e potente di quella del passato. E' chiaro che dobbiamo continuare a migliorare". "Abbiamo lavorato per garantire alla sede di Taranto un upgrade logistico, tecnologico e laboratoristico ed aumentato il numero delle risorse umane specializzate - ha detto il direttore generale di Arpa Puglia, Vito Bruno -, con un programma che prevede a regime 146 figure tra chimici, ingegneri, geologi, biologi, fisici, architetti, agronomi, cercando così di valorizzare i talenti di tanti giovani professionisti. Ad oggi abbiamo assunto già 67 nuove figure professionali, che portano al Dipartimento di Taranto la più significativa iniezione di risorse umane e strumentali tra le varie sedi territoriali. "Voglio condividere con voi tutti l'importanza di questo incontro - ha dichiarato l'assessore regionale all'Ambiente, Giovanni Stea - , dal momento che sono sempre più convinto che la sostenibilità ambientale sia voce fondamentale nell'ambito di un corretto ma certo sviluppo anche economico, sociale e culturale della nostra regione, con particolare riferimento ad aree critiche qual è questa della provincia ionica. La Puglia che vogliamo, che stiamo costruendo giorno dopo giorno, deve essere uno dei motori di una nuova epoca". (ITALPRESS). pc/com 19-Ott-20 14:28