Tiscali.it
SEGUICI

Comunali Torino, il voto ribaltato nelle mappe del ‘Catteneo’

di Agenzia DIRE   
Comunali Torino, il voto ribaltato nelle mappe del ‘Catteneo’

TORINO - La prima evidenza dell'analisi del voto dell'Istituto Cattaneo a due mesi dalle elezioni comunali torinesi è come, negli ultimi 20 anni, sia avvenuto un ribaltamento: la parte della città che votava la destra nelle elezioni europee del 1999, ovvero le zone agiate del centro e collinari, ora sono schierate a sinistra, mentre la destra miete consensi nelle aree più economicamente svantaggiate della città, ovvero nella periferia Nord e Sud della città.L'Istituto Cattaneo fa un'analisi del voto prendendo i dati su Torino di tutte le elezioni comunali, regionali, per la Camera dei deputati e per il Parlamento europeo dal 1993 a oggi. Per analizzare il voto nei vari quartieri, l'Istituto li ha geolocalizzati: ha diviso la città nelle più piccole unità urbanistiche territoriali possibili evidenziando i mutamenti delle preferenze elettorali nelle 93 zone statistiche in cui ha diviso il territorio del comune di Torino. Grazie all'analisi del voto a livello di microquartieri emerge chiaramente come il momento di passaggio nel voto dei quartieri benestanti di Torino si trova nell'ascesa di Matteo Renzi: dopo la sua caduta il vantaggio elettorale della destra nelle aree più agiate si è invertito a favore della sinistra, mentre lo stesso fenomeno all'inverso è avvenuto nelle aree popolari della città.

E i 5 Stelle? L'Istituto dedica loro un'analisi a parte. Pur premettendo, nell'introduzione dell'analisi, che "se l'alleanza tra M5S e centrosinistra prendesse in qualche modo forma, Torino tornerebbe ad essere non contendibile per il centrodestra", come del resto non lo è mai stata da quando esiste l'elezione diretta del sindaco, l'analisi fa emergere come il fenomeno M5S sia cresciuto a partire dal 2010, abbia poi raggiunto il picco durante l'elezione a sindaca di Chiara Appendino nel 2016, e ora sia in via di riassorbimento, con i pentastellati che tornano marginali soprattutto nelle aree centrali della città. Un successo elettorale, quello dei 5 Stelle, che li ha visti raggiungere i maggiori consensi nell'area Nordovest della Città e nell'estrema zona Sud. L'Istituto Cattaneo fa notare che, se l'alleanza dei 5 Stelle col centrosinistra andasse in porto, "risulterebbe attenuata (anche se non ribaltata) anche la 'divisione di classe invertita' tra destra e sinistra". Ma l'Istituto non si sbilancia: "Solo a ottobre cominceremo a capire che direzione prende il riallineamento politico e sociale".Questa è la seconda analisi dell'Istituto Cattaneo in vista delle comunali di quest'autunno dopo quella sul voto milanese: come il capoluogo lombardo, anche Torino non è rappresentativa della regione di cui è capitale. La città è "un'anomalia all'interno della regione di cui è capoluogo", di cui è l'unica parte dove l'elettorato vota in maggioranza il centrosinistra e che rimane tale anche se ai voti del centrosinistra si aggiungono quelli del Movimento 5 Stelle. E, come per Milano e la Lombardia, anche a Torino e in Piemonte il consenso per il centrosinistra allargato ai 5 Stelle scende passando dalle aree urbane a quelle intermedie fino alle rurali (stimate tramite parametri Istat). Infatti, il consenso verso le forze della sinistra e pentastellate passa dal 43,1% nelle città fino al 23,8% nelle aree più lontane dai centri abitati.

di Agenzia DIRE   

I più recenti

Defibrillatori in montagna, finanziamento Regione Piemonte
Defibrillatori in montagna, finanziamento Regione Piemonte
Danni erariali, citati a giudizio 11 ex dirigenti Atc Piemonte
Danni erariali, citati a giudizio 11 ex dirigenti Atc Piemonte
Stellantis, Tronzano Mirafiori ha un gap che va colmato
Stellantis, Tronzano Mirafiori ha un gap che va colmato
Piemonte, 490.000 euro per corsi di guida sicura rivolti ai neopatentati
Piemonte, 490.000 euro per corsi di guida sicura rivolti ai neopatentati

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...