Tiscali.it
SEGUICI

Ad Alba la quinta edizione degli Stati Generali dell'export

di Italpress   
Ad Alba la quinta edizione degli Stati Generali dell'export

ROMA (ITALPRESS) - Una due giorni dedicata esclusivamente ai temi dell'export e del Made in Italy per discutere, con l'aiuto di oltre 70 autorevoli rappresentanti della politica, dell'economia, delle associazioni, su attualità, prospettive, sfide legate ad un settore che con oltre 600 miliardi di euro è vitale per l'economia italiana. È la quinta edizione degli Stati Generali dell'Export che si terranno il 29 e il 30 settembre ad Alba presso il Centro Ricerche Pietro Ferrero, organizzati dal Forum Italiano dell'Export, presieduto da Lorenzo Zurino, primo Think tank specificamente dedicato alla discussione e al confronto sull'export e il Made in Italy che raggruppa 2067 imprese, istituzioni ed associazioni per un totale di circa 200 miliardi di euro di fatturato. Il Forum ha come obiettivi migliorare la conoscenza delle opportunità nei mercati europei e internazionali, facilitare lo scambio di idee e punti di vista, contribuire alla crescita economica italiana, dimostrare le potenzialità del nostro Paese e aprire nuove opportunità di business. L'evento, presentato oggi a Roma alla Camera dei Deputati, ha visto la presenza, tra gli altri, di Lorenzo Zurino, presidente Forum Italiano dell'Export; Ettore Prandini, presidente Coldiretti; Andrea Benetton, presidente Maccarese Spa Società Agricola Benefit e Cirio Società Agricola Srl; Eduardo Umberto Teodorani Fabbri, Chairman ANIVAD Consulting Limited. "Export e Made in Italy sono due elementi fondamentali per l'economia italiana che necessitano innanzitutto di attenzione, diffusione delle competenze e di un approccio pratico alle sfide che i mercati internazionali ci pongono. Alba sarà un momento fondamentale per gettare le basi di una cabina di regia che metta insieme tutti i talenti e le competenze che in Italia si occupano di Export e Commercio Estero e per mettere al centro dell'agenda politica un settore economico che vale oltre un terzo del PIL nazionale", ha detto il presidente Zurino.

Molti gli ospiti che si alterneranno nella due giorni, tra questi il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani; il ministro per gli affari europei, le politiche di coesione e il PNRR, Raffaele Fitto; il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso; il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio; il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti; il presidente della Regione Sicilia, Renato Schifani; il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli. Gli Stati Generali dell'Export vedranno inoltre l'alternarsi di panel dedicati ai temi strategici legati all'export e al Made in Italy quali "Made in Italy, Agricoltura, Enogastronomia e Dieta Mediterranea", "Il Sistema Paese", "Il territorio si racconta: il Piemonte", Banche e Territori nel processo di internazionalizzazione del Made in Italy", "Infrastrutture e Trasporti", "Geopolitica" e alcune interviste a protagonisti del mondo delle imprese che porteranno il proprio punto di vista sugli scenari politici, sociali ed economici sia italiani che internazionali, con un focus sui temi della presenza estera delle aziende italiane. "L'export e il Made in Italy hanno tenuto nonostante una congiuntura difficile e si confermano una grande eccellenza ed una dimensione che dobbiamo continuare a sostenere. In questo senso, si è lavorato con l'indagine conoscitiva al disegno di legge sul Made in Italy di prossima discussione e che significa fondi, attività, incentivi per le aziende che operano sui mercati internazionali ed un piano triennale per la promozione Made in Italy. Quella di Alba sarà una due giorni molto intensa che darà spunti per nuove riflessioni così come è avvenuto nelle edizioni precedenti degli Stati Generali dell'Export", ha detto Ilaria Cavo, vicepresidente Commissione Attività Produttive in un videomessaggio. "Per sostenere il trend di crescita dell'enogastronomia nazionale serve ora agire sui ritardi strutturali dell'Italia e sbloccare tutte le infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese, ma anche con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria in alta velocità, con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo", ha aggiunto il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nell'evidenziare l'importanza di cogliere l'opportunità del Pnrr per modernizzare la logistica nazionale che ogni anno rappresenta per il nostro Paese un danno in termini di minor opportunità di export. Ma è importante lavorare anche sull'internazionalizzazione per sostenere le imprese che vogliono conquistare nuovi mercati e rafforzare quelli consolidati valorizzando il ruolo strategico dell'Ice e con il sostegno delle ambasciate. L'obiettivo - ha concluso - è portare il valore annuale dell'export agroalimentare da 60,7 miliardi del 2022 a 100 miliardi nel 2030 togliendo spazio all'italian sounding."Andrea Benetton, presidente Maccarese Spa Società Agricola Benefit e Cirio Società Agricola Srl, ha sottolineato che "Agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile in forte contrasto con le nuove frontiere e proposte che vengono da ogni parte del globo come da ultimo il confronto aperto sul cibo sintetico. Il Made in Italy agroindustriale viene costantemente minacciato da un sistema, quello internazionale legato alle multinazionali, che ha grande difficoltà a fronteggiare la qualità del BelPaese. Un sistema che vorrebbe cancellare le identità territoriali con la disdicevole propaganda legata all'incompatibilità dell'agricoltura con l'ambiente.L'Italia ed il Made in Italy sono floridi ma affaticati. È anche in questi momenti, comunque, che il nostro Paese esprime nuovi modi di interpretare e produrre eccellenze", ha concluso. Infine, per il sindaco di Alba, Carlo Bo, "è un onore poter accogliere nella nostra città questo importante evento dedicato all'Export, una tema centrale nell'economia del nostro territorio, sede di una multinazionale come la Ferrero e di tantissime realtà che lavorano a stretto contatto con l'estero, a partire dalle nostre aziende vitivinicole. Il presidente Zurino, che ringrazio per la visita, mi ha illustrato il parterre di esperti e prestigiosi relatori che interverrà nella capitale delle Langhe e per questo invito il nostro tessuto socio-economico a partecipare. Sarà un'interessante opportunità di confronto". -foto xb1 - (ITALPRESS). xb1/mgg/red 21-Set-23 12:40 .

di Italpress   
I più recenti
Il trofeo del Grand Départ del Tour de France nel Grattacielo Piemonte
Il trofeo del Grand Départ del Tour de France nel Grattacielo Piemonte
Forza Italia, Tajani Complimenti a Schifani e Cirio
Forza Italia, Tajani Complimenti a Schifani e Cirio
In Piemonte 30.640 contratti di lavoro previsti a giugno
In Piemonte 30.640 contratti di lavoro previsti a giugno
Piemonte, nel nuovo Consiglio regionale 7 partiti e 2 liste civiche
Piemonte, nel nuovo Consiglio regionale 7 partiti e 2 liste civiche
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...