Bankitalia, in Molise impatto Covid inferiore alla media nazionale

Bankitalia, in Molise impatto Covid inferiore alla media nazionale
di Italpress

CAMPOBASSO (ITALPRESS) - In un quadro determinato dall'emergenza Covid-19 l'impatto della crisi nel Molise sarà minore rispetto alla media nazionale. Ad affermarlo è il rapporto 2019 sull'economia regionale della Banca d'Italia che oggi ha presentato i numeri che interessano la regione che, nel 2019, ha registrato una crescita dell'0,7 per cento del PIL regionale, mezzo punto in meno dell'anno precedente. Tanti gli interrogativi che sono stati posti nel corso della presentazione da parte del rettore dell'Università del Molise, Luca Brunese che ha auspicato, insieme al direttore della Filiale di Campobasso, Marcello Malamisura, "una visione comune delle istituzioni" per il rilancio dello sviluppo regionale. "Gli investimenti - ha chiarito Marco Manile (Nucleo Ricerca economica) - hanno stentato a riavviarsi e la nostra indagine straordinaria sugli effetti del coronavirus ha rilevato una revisione al ribasso dei piani per l'anno in corso". "Le imprese - ha sottolineato Manile - hanno inoltre segnalato sin dalle prime fasi dell'emergenza un significativo calo della domanda interna, oltre a difficoltà logistiche e rallentamenti negli approvvigionamenti che hanno ostacolato la produzione". Bene le esportazioni di merci che sono aumentate a prezzi correnti dell'11,7 per cento, un'intensità superiore a quella del Paese. Una crescita alimentata soprattutto dalla componente dei mezzi di trasporto (parti e motori per autoveicoli), prodotti alimentari e in plastica. Tra i mercati di destinazione delle merci molisane, le vendite di beni nei paesi UE sono aumentate del 4,6 per cento. Le esportazioni extra Ue (+16,7%) hanno visto un forte incremento in Turchia, solo parzialmente controbilanciato dal calo in Cina. "Nel 2019 l'occupazione è cresciuta dell'1,6%, rispetto allo 0,6% della media nazionale - ha precisato nel corso della videoconferenza Andrea Filippone (Divisione Analisi e Ricerca economica territori) - sebbene in misura attenuata rispetto all'anno precedente". Numeri che testimoniano però una diminuzione degli occupati a tempo pieno, rispetto a quello a tempo parziale con un incremento del lavoro autonomo che in Molise assume un peso più elevato rispetto all'Italia (oltre il 30 per cento, a fronte del 22,7). (ITALPRESS). mor/fsc/red 24-Giu-20 13:44