Tiscali.it
SEGUICI

Marche approvano Fse ma il Pd abbandona l’Aula: “E’ discriminatorio”

di Agenzia DIRE   
Marche approvano Fse ma il Pd abbandona l’Aula: “E’ discriminatorio”

ANCONA – Il centrodestra marchigiano approva il programma del Fse 2021-2027 ma il Pd lascia l’Aula perché lo considera “discriminatorio” e “senza visione”. Ammontano a 296 milioni le risorse del Fondo sociale europeo a disposizione delle Marche a cui si aggiungono 50 milioni di euro di risorse statali da utilizzare nei prossimi sette anni per occupazione, istruzione-formazione, inclusione sociale e giovani. “Crediamo fermamente che con le misure previste dalla nuova programmazione dei fondi europei- spiega il relatore di maggioranza Andrea Putzu (Fdi)- le Marche riusciranno ad uscire presto e bene dalle Regioni in transizione”. Al momento del voto però è scoppiata la bagarre con i consiglieri dem che hanno abbandonato l’Aula dopo che è stato respinto un ordine del giorno, sottoscritto anche da Rinasci Marche e M5S, con cui chiedevano alla giunta di stanziare risorse del proprio bilancio per interventi mono-target destinati all’inclusione e all’integrazione di migranti e rom.

PER I DEM IL CENTRODESTRA COLPISCE I PIU' DEBOLI“La giunta ha deciso di tagliare tutti i finanziamenti mono-target dell’Fse per migranti e rom- attaccano i consiglieri Pd- Utilizzando una giustificazione speciosa la giunta Acquaroli afferma che ‘la bassa incidenza della popolazione straniera sul totale dei residenti, circa l'8%, ha suggerito la scelta di non attivare gli obiettivi specifici che rendono ammissibili al finanziamento quel tipo di interventi’. Praticamente ci dicono che quell'8% di esseri umani non è ritenuto degno di essere beneficiario di risorse europee che mirano a garantire inclusione sociale, istruzione, formazione e lavoro”. Una decisione inaccettabile per il Pd marchigiano. “Con l'approvazione di questo atto- sostengono- il centrodestra non ha perso occasione, ancora una volta, di mostrare la sua innata propensione verso una politica di discriminazione che mira a colpire i più deboli. La solita ricetta della destra, che anziché promuovere integrazione preferisce fomentare la divisione tra chi può e non può essere aiutato". Il provvedimento è stato approvato con il voto favorevole della maggioranza e tre astenuti tra cui gli stessi Rinasci Marche e M5S.

di Agenzia DIRE   
I più recenti
Al via raccolta piselli,  Findus: Marche area vocata a coltivazione
Al via raccolta piselli, Findus: Marche area vocata a coltivazione
VIDEO | Maculopatie queste sconosciute, ad Ancora screening per trovarle
VIDEO | Maculopatie queste sconosciute, ad Ancora screening per trovarle
Per il rilancio dei suoi borghi la Regione Marche mette sul piatto 24 milioni
Per il rilancio dei suoi borghi la Regione Marche mette sul piatto 24 milioni
“Mare e montagna”, le Marche si promuovono come destinazione turistica plurale
“Mare e montagna”, le Marche si promuovono come destinazione turistica plurale
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...