Libri di testo gratis anche a chi non va a scuola e studia solo da casa: nelle Marche si fa

Libri di testo gratis anche a chi non va a scuola e studia solo da casa: nelle Marche si fa
di Agenzia DIRE

ANCONA - Libri di testo gratuiti anche per chi non va a scuola ma studia solo a casa. Lo ha deciso il Comune di Grottammare, in provincia di Ascoli Piceno, e il provvedimento riguarda i testi in uso durante il ciclo della scuola primaria. Una decisione "per garantire a tutti i minori indistintamente il diritto allo studio sancito dalla Costituzione, attraverso un effettivo ed efficace percorso di apprendimento", dice la giunta comunale nello spiegare perchè ha ampliato il provvedimento anche a favore delle famiglie che optano per questa scelta, "favorendo altresì un clima di collaborazione tra istituzioni e famiglie e di integrazione tra i diversi contesti formativi ed educativi".ECCO COS'È L'ISTRUZIONE PARENTALEFinora, infatti, il diritto alla fornitura gratuita dei libri di testo mediante il sistema della cedola libraria era assicurato solo agli iscritti frequentanti. Non dunque a chi studia a casa: si chiama infatti istruzione parentale la scelta della famiglia, o di chi ha la tutela del minore, di provvedere in autonomia all’istruzione fino a che l’obbligo scolastico lo impone. L’ordinamento italiano rende infatti obbligatoria l’istruzione fino ai 16 anni –e quindi l’iscrizione a un istituto scolastico- ma non la frequentazione di una scuola pubblica o privata. "La proposta è stata ritenuta accoglibile in ragione del fatto che il libro di testo è a tutti gli effetti uno degli strumenti utilizzabili dagli studenti che non frequentano la scuola e che l’impiego dei testi didattici adottati dall’istituto scolastico può essere utile anche ai genitori che desiderano avere uno schema da seguire, pur facendo apprendimento naturale e libero, anche in funzione dell’esame di idoneità per il passaggio alla classe successiva", dice il Comune di Grottammare.