Tiscali.it
SEGUICI

Le Marche chiedono lo stato di emergenza

di Agenzia DIRE   
Le Marche chiedono lo stato di emergenza

ANCONA - Dopo l'alluvione che in questi giorni ha colpito le Marche arriva la richiesta di stato di emergenza. Nello specifico il presidente della Regione, Francesco Acquaroli, ha inviato questo pomeriggio una lettera al ministro della Protezione civile, Nello Musumeci, e a Fabrizio Curcio capo della Protezione civile. “L’ondata di maltempo che ha interessato l’intero territorio della Regione Marche a partire dal giorno 16 maggio 2023, ha causato ingenti danni- scrive Acquaroli-. Gli eccezionali nubifragi che si sono prolungati per più giorni hanno interessato la porzione centro-settentrionale del territorio regionale nella fase iniziale, con particolare riferimento alle province di Pesaro-Urbino ed Ancona, per poi coinvolgere la restante parte centro-meridionale della regione in particolare le province di Macerata e Fermo". A tal proposito Acquaroli scrive che "si segnalano numerose strade ed infrastrutture interrotte o inagibili, completamente divelte dalla furia del maltempo, numerosi ed importanti fenomeni franosi e smottamenti, esondazione di fiumi fossi e torrenti, rotture di argini fluviali, allagamenti diffusi che hanno interessato anche case ed attività produttive e commerciali".

"ALBERI ABBATTUTI, STRADE NON PERCORRIBILI, ACCUMULO DI DETRITI"Non solo. Il governatore aggiunge inoltre che "la maggior parte dei Comuni marchigiani ha inoltre segnalato numerose situazioni di disagio: tronchi ed alberi abbattuti lungo le sedi viarie, strade non percorribili, percorsi stradali interrotti e numerose sono state le richieste di dichiarazione dello stato di emergenza pervenute dagli stessi. L’eccezionalità del fenomeno meteorologico e le sue ripercussioni sono state evidenti ed estese anche su tutto il litorale, interessato da forti mareggiate con accumulo di materiale detritico proveniente dai corsi d’acqua". Nell’immediatezza dell’evento, sottolinea il presidente nella lettera, "il Sistema regionale di protezione civile si è prontamente attivato, la Sala situazione Italia del dipartimento della Protezione civile, ha avviato immediatamente il necessario raccordo operativo con le componenti territoriali e le strutture operative del Servizio nazionale della protezione civile. Per rispondere al meglio alle necessità sono stati attivati il Centro operativo regionale delle Marche, il Centro di Coordinamento Soccorsi delle Province di Ancona, Pesaro e Urbino, Fermo ed Ascoli Piceno (con relativa apertura delle Sale Operative Integrate) ed i Centri Operativi Comunali dei paesi interessati. Sono inoltre stati attivati centinaia di volontari di protezione civile a supporto della popolazione”."RIPERCUSSIONI TALI DA DOVER RICHIEDERE RISORSE E POTERI STRAORDINARI"In conclusione della lettera, Acquaroli sottolinea che “le conseguenze e le ripercussioni sul territorio sono state tali da dover richiedere risorse e poteri straordinari di cui all’articolo 24 D.Lgs. 1/2018”, riservandosi di inviare, non appena disponibile, una prima ricognizione del danneggiamento e tutta la documentazione necessaria già in fase di predisposizione.(Fotografia presa dalla pagina Facebook del sindaco di Senigallia, Massimo Olivetti).

di Agenzia DIRE   

I più recenti

Nelle Marche 54,6 milioni a 228 imprese per ricerca e sviluppo
Nelle Marche 54,6 milioni a 228 imprese per ricerca e sviluppo
Dopo la vendita di appartamenti, le Marche reinvestono 16 milioni nelle case popolari
Dopo la vendita di appartamenti, le Marche reinvestono 16 milioni nelle case popolari
VIDEO | Approccio multidisciplinare per tumore fegato, le Marche fanno scuola
VIDEO | Approccio multidisciplinare per tumore fegato, le Marche fanno scuola
Neve sulle Marche, impianti sciistici pronti a riaprire
Neve sulle Marche, impianti sciistici pronti a riaprire

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...