Tiscali.it
SEGUICI

Assestamento di bilancio nelle Marche, Pd: “Manco un euro per le famiglie alluvionate”

di Agenzia DIRE   
Assestamento di bilancio nelle Marche, Pd: “Manco un euro per le famiglie alluvionate”

ANCONA - “Nonostante i giochi di parole della giunta e dei partiti di maggioranza, la proposta di legge sull’assestamento di bilancio 2022-204 approvata ieri dal centrodestra in consiglio regionale non stanzia neanche un euro per le famiglie messe in ginocchio dal drammatico evento alluvionale del 15 settembre. La decisione di bocciare l’emendamento del Partito democratico, che invece prevedeva a tale scopo la costituzione di un apposito fondo da 8,5 milioni di euro, è un imperdonabile errore, perché toglie a migliaia di persone la possibilità di ricevere contributi immediati per far fronte alle esigenze più impellenti”. A dirlo è una nota del gruppo assembleare marchigiano del Partito democratico."21,6 MILIONI STANZIATI CON L'OBIETTIVO DI CONTRASTARE LA PROPOSTA DEL PD"“I 21,6 milioni di cui parla la giunta Acquaroli- spiegano i dem- peraltro stanziati attraverso emendamenti presentati tardivamente solo ieri mattina, a poche ore dall’inizio del consiglio e con il solo obiettivo di contrastare la nostra proposta, riguardano solo un sostegno al credito per le imprese colpite dall’alluvione (circa 6 milioni) e l’implementazione dei capitoli di spesa per la mitigazione del dissesto idrogeologico e la manutenzione dei fiumi di tutta la regione.

Due proposte ovviamente condivisibili, che infatti non hanno incontrato il nostro sfavore, ma che non rispondono al bisogno di liquidità immediata dei cittadini alluvionati”.LE CIFRE A CONFRONTOInoltre, continuano i consiglieri del Pd, "a ben vedere le cifre, si scopre che solo 2,5 milioni di euro sono stati stornati dalla famigerata tabella E, contenente le 'mancette' pensate per sostenere la campagna elettorale degli assessori Castelli, Carloni, Latini e Aguzzi. Cosa ben diversa dagli 8,5 milioni di euro proposti dal Partito democratico, che andavano interamente a incidere sulla tabella E, salvaguardando solo gli investimenti per la sanità, l’ambiente e le infrastrutture". Non solo. Proseguono i dem: "I 14 milioni di euro per le manutenzioni annunciati dalla giunta regionale, necessari ma non sufficienti, rappresentano una rimodulazione di risorse già allocate all’interno del bilancio regionale, per di più già stanziate nel suo ultimo esercizio dalla precedente Amministrazione regionale di centrosinistra, tanto che viene da chiedersi perché non siano stati investiti in questi ultimi due anni. Tra l’altro, rispetto alle aree più colpite dalla recente alluvione, in questo momento sarebbe stato forse meglio che la giunta avesse messo risorse per l’esecuzione di lavori di somma urgenza sugli argini, gravemente compromessi dalle piene del Misa e del Nevola”."TRIONFALISMO IRRISPETTOSO DI CHI HA SUBITO LA TRAGEDIA, E INFONDATO"Per i consiglieri regionali del Pd “il trionfalismo di Acquaroli, come la sguaiata soddisfazione dei consiglieri di Fratelli d’Italia e Lega non solo sono irrispettosi nei confronti di chi ha subito questa tragedia, ma risultano sostanzialmente infondati. Di fatto, l’unica verità l’ha detta l’ormai ex assessore al Bilancio Guido Castelli, in procinto di lasciare le Marche per accomodarsi nell’aula del Senato, il quale, imponendo alla maggioranza la bocciatura del nostro emendamento, ha sostenuto che la loro è stata una scelta politica. E- concludono i dem- in effetti è così: quella della giunta Acquraroli e di tutta la sua maggioranza è stata una coerente scelta politica di destra, che non è stata capace di assegnare neppure un piccolo contributo per alleviare le difficoltà di quelle tante persone che il 15 settembre hanno perso tutto”.

di Agenzia DIRE   

I più recenti

VIDEO | Approccio multidisciplinare per tumore fegato, le Marche fanno scuola
VIDEO | Approccio multidisciplinare per tumore fegato, le Marche fanno scuola
Neve sulle Marche, impianti sciistici pronti a riaprire
Neve sulle Marche, impianti sciistici pronti a riaprire
Peschereccio affonda al largo delle Marche, salvi i tre marinai
Peschereccio affonda al largo delle Marche, salvi i tre marinai
A Pesaro gli ‘Orti per la pace’ aspettano l’ulivo di Rafah
A Pesaro gli ‘Orti per la pace’ aspettano l’ulivo di Rafah

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...