Tiscali.it
SEGUICI

Varese, sottratti fondi cassa da slot machine. Gdf sequestra 4.7 mln

di Italpress   
Varese, sottratti fondi cassa da slot machine. Gdf sequestra 4.7 mln

VARESE (ITALPRESS) - A conclusione dell'operazione di polizia economico-finanziaria convenzionalmente denomitata "easy slot", i finanzieri del comando provinciale di Varese, su delega della Procura, hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo, anche per equivalente, nei confronti di 2 persone fisiche, per un totale di quasi 5 milioni di euro (4.761.000 euro), nonché alla misura interdittiva del divieto di esercitare attività d'impresa ovvero di rivestire uffici direttivi di persone giuridiche per 12 mesi a carico dei due principali indagati emesso dal gip del Tribunale di Varese. L'indagine, spiegano le fiamme gialle in una nota, trae origine "dalla società 'concessionaria' per la realizzazione e conduzione della rete per la gestione telematica del gioco lecito che ha presentato denuncia in Procura varesina nei confronti di un gestore responsabile dello "scassettamento" delle sale slot in ordine alle ipotesi di reato di peculato e appropriazione indebita per il mancato versamento del Pr.E.U. (acronimo di prelievo erariale unico ovvero di una tassa applicata agli apparecchi da divertimento e intrattenimento) e per l'indebita appropriazione del fondo cassa, conservato all'interno delle macchinette AWP dette anche new slot, costantemente collegate alla rete telematica dei monopoli". Normalmente, il sistema prevede che il gestore procede, da un lato, all'attività di scassettamento di ogni singolo apparecchio, prelevando le monete in esso contenute corrispondenti all'importo totale giocato dalla clientela su quell'apparecchio in un determinato periodo, al netto delle vincite contestualmente erogate e, dall'altro, al versamento al Concessionario che è tenuto, a sua volta, a versare l'importo dovuto all'Erario a titolo di canone di concessione e di Preu, e che resta dunque garante del corretto assolvimento degli obblighi tributari da parte del Gestore.

A seguito delle risultanze investigative emerse dalle prime indagini svolte dai finanzieri, veniva data esecuzione ad un decreto di perquisizione locale e personale che coinvolgeva 10 persone fisiche e 6 società. Dall'analisi della documentazione sequestrata, delle chat rinvenute sui telefoni cellulari, dall'esito degli accertamenti bancari e delle dichiarazioni rese dai soggetti informati sui fatti, "era contestata l'esistenza di un sodalizio criminale il quale, mediante la costituzione di alcune società operanti nel settore della raccolta e gestione del gioco, garantivano una continua movimentazione di denaro a fronte di operazioni commerciali di prestazioni di servizio e compravendita di aziende di fatto inesistenti". Tra l'altro, nel corso delle perquisizioni, si procedeva al sequestro probatorio di monete per complessivi euro 201 mila, relativi alla sottrazione illecita dei fondi detenuti all'interno degli apparecchi slot. Inoltre, nel corso delle indagini, le Fiamme Gialle hanno approfondito diverse segnalazioni per operazioni sospette "le quali evidenziavano continue movimentazioni bancarie "giustificate" da numerose fatture per operazioni inesistenti volte a svuotare il reticolo di società costituito dal sodalizio criminale per autoriciclare il denaro sottratto alle slot che avevano in gestione". Pertanto, il giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Varese disponeva, su proposta della Procura della Repubblica di Varese, l'esecuzione della misura cautelare reale del sequestro preventivo nonché la misura interdittiva per due dei 7 indagati. A tal proposito, l'esecuzione della misura interdittiva è stata resa effettiva tramite notifica all'Ente Unioncamere, in modo tale da renderla efficace su tutto il territorio nazionale, in considerazione che gli interdetti hanno sempre operato, e continuano ad operare, nel settore del gioco d'azzardo, servendosi di una miriade di società, che accumulano sistematicamente debiti verso terzi e in particolar modo nei confronti dell'Erario, e poi sono spogliate dei principali asset per essere portate al fallimento da prestanome vari. Le operazioni di esecuzione dell'Ordinanza reale consentivano di sottoporre a sequestro preventivo di 31 rapporti bancari e finanziari (con relativo blocco dei saldi contabili), denaro contante rinvenuto presso le abitazioni con l'ausilio di unità cinofile "cash dog" dei soggetti destinatari di misura, due immobili siti nella provincia di Varese e le quote relative alla proprietà di due società, una delle quali proprietaria di 2 fabbricati commerciali e 3 terreni agricoli ed edificabili. A fronte di tali ipotesi di reato l'Autorità Giudiziaria ha disposto contestualmente la notifica agli indagati, 7 persone fisiche e 1 persona giuridica, della conclusione delle indagini preliminari per i reati di peculato, appropriazione indebita, dichiarazione fraudolenta ed emissione di fatture per operazioni insesistenti, autoriciclaggio, truffa ai danni dello Stato, bancarotta fraudolenta e illecito amministrativo dipendente da reato contestato alla società implicata nelle indagini. (ITALPRESS).Foto: Guardia di Finanza Varese col3/com 03-Giu-24 09:54 .

di Italpress   
I più recenti
Autonomia: Fontana, chi si oppone vuole bloccare la Lombardia
Autonomia: Fontana, chi si oppone vuole bloccare la Lombardia
Cgia, Lombardia, Emilia R., Veneto motore del Paese nel 2024
Cgia, Lombardia, Emilia R., Veneto motore del Paese nel 2024
Borsellino: illuminati i palazzi della Regione Lombardia
Borsellino: illuminati i palazzi della Regione Lombardia
Milano, Pilazzo Pirelli illuminato per ricordare strage via D'Amelio
Milano, Pilazzo Pirelli illuminato per ricordare strage via D'Amelio
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...