Tiscali.it
SEGUICI

Università, al via crowdfunding del progetto "Tanti piccoli porcellin"

di Italpress   
Università, al via crowdfunding del progetto 'Tanti piccoli porcellin'

MILANO (ITALPRESS) - Valutare l'inquinamento del suolo con un metodo del tutto naturale, osservando cioè il comportamento di alcuni organismi che lo popolano ovvero i porcellini di terra. E' questo l'obiettivo dei ricercatori dell'Università di Milano-Bicocca che hanno lanciato la campagna di crowdfunding "Tanti Piccoli Porcellin!" per sviluppare un prototipo strumentale per riconoscere un suolo sano da uno contaminato, coniugando le risposte comportamentali dei porcellini e i più sofisticati strumenti dell'intelligenza artificiale. I porcellini di terra sono gli unici crostacei ad avere colonizzato la terraferma a partire dal Carbonifero Inferiore, fra i 359,2 e i 318,1 milioni di anni fa: questi antichissimi animali dovettero adattarsi in un ambiente nuovo compensando, prima fra tutte, la disidratazione. Come? Attraverso un particolare comportamento gregario: i porcellini di terra tendono a stare aggregati, perché questo riduce la superficie di contatto dei singoli animali con l'aria. In condizioni di stress indotto da un suolo contaminato, il gruppo invece si frammenta.

"Il primo passo per contrastare gli effetti dell'inquinamento dei suoli, è proprio quello di monitorarne lo stato di contaminazione. Per farlo abbiamo ideato un metodo rapido, economico e non invasivo, nonché rispettoso nei confronti degli animali", spiega Lorenzo Federico, responsabile del progetto e dottorando presso il Dipartimento di Scienze dell'Ambiente e della Terra dell'Università di Milano-Bicocca. "Grazie al crowdfunding svilupperemo un migliore metodo di osservazione per il comportamento gregario dei porcellini di terra quando esposti ai suoli e ne quantificheremo le risposte grazie ad algoritmi sviluppati all'interno del nostro team. In altre parole, studiando come reagiscono i porcellini potremo capire se un suolo è inquinato o meno, e a che livello". Nello specifico, lo stato di aggregazione verrà monitorato mediante un dispositivo che combina un detector (microtelecamera a infrarossi) e un'arena in plexiglas, all'interno della quale sarà disposto il suolo da monitorare e dieci porcellini di terra. Basteranno poche ore perché i contaminanti, se presenti, determinino alterazioni comportamentali facilmente quantificabili. "Il nostro obiettivo finale è quello di sviluppare un prototipo che utilizzi la procedura automatica di analisi già brevettata da Elisabetta Fersini, docente di Informatica del nostro ateneo, per quantificare lo stato di aggregazione dei porcellini quando esposti a suoli contaminati - spiega Sara Villa, docente di Ecologia presso l'Università Milano-Bicocca e componente del team -. Questo auto-apprendimento sarà utile per ridurre i tempi di analisi e di elaborazione di un rapporto di qualità ambientale". Per sviluppare un primo prototipo sperimentale bisogna raccogliere 10.000 euro attraverso la campagna di raccolta fondi attiva su Ideaginger.it, la piattaforma di crowdfunding con il tasso di successo più alto in Italia. Il progetto "Tanti Piccoli Porcellin" - tra quelli della VI edizione di BiUniCrowd, l'iniziativa dell'Università di Milano-Bicocca che permette ai progetti della comunità universitaria di ottenere sostegno e visibilità dall'esterno - è stato selezionato da A2A, che cofinanzierà la campagna di crowdfunding.(ITALPRESS).Foto: ufficio stampa Università Bicocca trl/com 24-Apr-24 13:57 .

di Italpress   

I più recenti

Cosmetica & Benessere Magazine - 18/5/2024
Cosmetica & Benessere Magazine - 18/5/2024
Maltempo, entro il 2024 in Lombardia 10 milioni per combattere gli eventi estremi
Maltempo, entro il 2024 in Lombardia 10 milioni per combattere gli eventi estremi
Monza, tenta di dare fuoco ad una pompa di benzina. Arrestato
Monza, tenta di dare fuoco ad una pompa di benzina. Arrestato
Maltempo a Milano, Sala Probabilmente danni non rilevantissimi
Maltempo a Milano, Sala Probabilmente danni non rilevantissimi
Teleborsa

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...