Università, studenti disabili quintuplicati in 10 anni in Lombardia

Università, studenti disabili quintuplicati in 10 anni in Lombardia
di Italpress

MILANO (ITALPRESS) - Nell'ultimo decennio in Lombardia sono quintuplicati gli studenti con disabilità e Disturbi specifici dell'apprendimento (Dsa) iscritti alle università regionali. Un risultato notevole in termini di inclusività di chi 'fa più fatica' e, ciononostante, resta agganciato a un percorso formativo, garanzia di un 'posto' in società. Tuttavia, gli atenei lombardi mirano a fare ancor di più per promuovere il successo accademico per tutti gli studenti, nessuno escluso. Se ne è discusso, in coincidenza con la giornata internazionale delle persone con disabilità, nel corso del convegno ospitato dall'Università di Milano-Bicocca, dedicato al Coordinamento degli atenei lombardi per la disabilità e i disturbi specifici dell'apprendimento (Cald). Riuniti nell'aula magna dell'Università Rettori e delegati hanno fatto il punto sui primi dieci anni di attività del Cald e sulle prospettive future della propria mission, a partire dalle esperienze maturate sul campo, dalle riflessioni scientifiche e dalle progettualità operative dei 13 atenei che lo compongono. Il confronto ha preso avvio dall'analisi dei numeri. In Lombardia, negli ultimi dieci anni, il numero degli studenti universitari con disabilità e Disturbi dell'apprendimento (Dsa) è più che quintuplicato, passando dai 1.928 del 2011 ai 10.201 del 2021. Nello specifico, gli studenti con disabilità iscritti nei tredici atenei aderenti al Cald sono passati da 1.632 nel 2011 a 3.086 nel 2021. Gli studenti con Dsa iscritti sono passati da 296 dieci anni fa a 7.115 oggi. Da questo dato è così partito un progetto condiviso e multidisciplinare di formazione sulla didattica inclusiva rivolto al personale docente e mirato a promuovere un impegno attivo di tutta la comunità accademica verso la costruzione di contesti universitari utili a tutti. Il progetto mira a rispondere con cura e competenza ai profili, ai bisogni e alle attese delle studentesse e degli studenti, nel quadro delle scelte didattiche complessive degli Atenei del Cald. Alla rilevanza numerica si associa una sfida culturale e metodologica che l'esperienza della pandemia ha posto all'attenzione di tutti: la necessità di trovare approcci, strategie e soluzioni didattiche innovative che sappiano integrare diverse modalità di costruzione, condivisione e fruizione dei contenuti della conoscenza, all'interno degli insegnamenti disciplinari nelle università. La scelta di utilizzare una molteplicità di canali, di linguaggi e di modalità di presentazione delle informazioni può permettere di uscire dall'attuale dilemma "in presenza/a distanza" in modo evolutivo e coerente, costruendo comunità di apprendimento sempre più accoglienti, attente ai temi dell'inclusione e della partecipazione sociale. Le molteplici attività dei Servizi e dei professionisti che accompagnano i percorsi delle studentesse e degli studenti più a rischio di insuccesso accademico e di esclusione sociale costituiscono, infatti, una risorsa preziosa per la formazione alla didattica inclusiva dell'intero corpo accademico. Del Cald fanno parte i delegati dei rettori per la disabilità di: Humanitas University, Liuc - Università Cattaneo, Politecnico di Milano, Università Bocconi di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università degli Studi dell'Insubria, Università degli Studi di Bergamo, Università degli Studi di Brescia, Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Università degli Studi di Pavia, Università Iulm di Milano e Università Vita-Salute San Raffaele. (ITALPRESS). fmo/pc/red 03-Dic-21 12:25