Milano, Sala "Una Galleria viva è il termometro della città"

Milano, Sala 'Una Galleria viva è il termometro della città'
di Italpress

MILANO (ITALPRESS) - "La Galleria per noi è il termometro della città: quando la città va bene la Galleria è viva e viceversa. Tu passi in Galleria e capisci come va la città. E poi è chiaro che in Galleria ci sono negozi ricchi, ma chi ci lavora in questi negozi, nei bar e nei ristoranti? Far lavorare riunisce la città". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala stamane ha inaugurato il nuovo Bric's store in Galleria Vittorio Emanuele. La presenza di Bric's in Galleria da tanti anni e per tanti anni ancora, aggiunge il primo cittadino, "è un atto di fiducia nei confronti della nostra città. I comaschi, mio padre era comasco, sono resistenti e si impegnano. E' bella questa storia di una famiglia che da Olgiate Comasco arriva in Galleria e dal 1999 si presenta al mondo", conclude il sindaco ricordando Mario Briccola, il fondatore che nel 1952 lanciò l'attività. All'inaugurazione dello store ha partecipato anche don Antonio Mazzi, di Fondazione Exodus, che a Mario Briccola è legato da "un'amicizia storica". "Ci sono sempre stati vicini - racconta a Italpress - quando c'era il papà andavo in fabbrica a dire la messa". Visibilmente emozionato al taglio del nastro, il presidente Roberto Briccola ringrazia il sindaco Sala e l'assessora allo Sviluppo Economico Alessia Cappello. "Siamo arrivati in Galleria quando qui c'erano Luisa Spagnoli, Prada e Borsalino. Noi ci abbiamo creduto", rivendica Briccola parlando con Italpress. "La Galleria - prosegue - per noi è stata un trampolino di lancio", il fattore che "da grande fabbrica ci ha fatto diventare un marchio, perché Galleria Vittorio Emanuele è una vetrina sul mondo". Il negozio, 101 metri quadrI in via Foscolo verso Piazza Scala, paga un canone annuo di 507mila euro. Negli spazi liberati dal brand comasco - le due vetrine di fronte - arriverà presto Tod's, che se li è aggiudicati lo scorso febbraio per 1,8 milioni all'anno. L'operazione del Comune apre quindi a nuovi approdi nel "Salotto di Milano" dal momento che Tod's traslocherà da via Pellico. Ma soprattutto, com'è noto, l'orientamento di Palazzo Marino e dell'assessore al Bilancio e al Demanio Emmanuel Conte è portare nelle casse comunali "60 milioni da investire nella città, a partire dal Welfare": oro, a fronte dell'emergenza energetica con cui anche il Comune sta facendo i conti. Dopodiché, spiega ancora Briccola, la presenza dei grandi marchi ha dato un po' di filo da torcere ai 'piccoli': "I bandi hanno fatto fluttuare le quotazioni" tanto da rendere Galleria "quasi inaccessibile". Conseguenza: "Noi abbiamo dovuto conquistarci con un po' di fatica la nostra presenza ma ce l'abbiamo fatta", perciò è ancora più forte "l'orgoglio" di mantenere la storica posizione. Vero è che "abbiamo ridimensionato il negozio", passando da due vetrine a una, ma il trasloco non è stato poi così svantaggioso, ragiona, dato che di fatto si è trattato di spostarsi da un lato all'altro della Galleria, esattamente di fronte al precedente punto vendita. Infine Briccola si concede un rapido bilancio post-estate: "La nostra clientela è per l'80% straniera" ed è clientela che "viene qui per spendere", quindi "ha ragione il sindaco" quando dice che "Milano ha bisogno che la Galleria sia piena. Noi soffriamo ancora per la mancanza di turisti russi e cinesi", nonostante questo "i nostri fatturati sono superiori al 2019" e ciò significa che "l'azienda è finalmente ripartita dopo la sofferenza del biennio 2020-2021". Tre generazioni che si danno il cambio: "Ci sentiamo ancora giovani" e pronti "per affrontare il mercato". Per i 70 anni del marchio, Bric's ha annunciato un'iniziativa di beneficienza per la Casa di accoglienza "Fabrizio Frizzi" di Unitalsi: nel 2023, ricorrerà il quinto anniversario della morte del conduttore.(ITALPRESS).Photo credits: xa1 xa1/trl/red 28-Set-22 17:41