Milano: presidio via Corelli, De Corato 'incredibile, centri rimpatri fondamentali'

di Adnkronos

Milano, 24 apr. (Adnkronos) - Mai più lager - No ai Cpr ha promosso a Milano, nel pomeriggio, una manifestazione in via Corelli per protestare contro i centri di permanenza per il rimpatrio. Un presidio "con distanziamento che dia un segnale forte, alla città e non solo, e a chi è rinchiuso nel cpr, la vergognosa frontiera di Milano". Nella struttura, "da oltre 6 mesi", c'è "uno dei più attivi centri di detenzione e deportazione d'Italia, che nel silenzio generale ha rimpatriato già oltre 500 persone, prevalentemente di nazionalità tunisina, dopo averle trattenute in condizioni di alienazione e isolamento totale, e nei fatti senza assistenza legale e sanitaria. Milano ha deciso di non tacere e, insieme ad altre città, si farà sentire". Per il consigliere comunale di Fdi, Riccardo De Corato "è incredibile che sia stata autorizzata una simile manifestazione nonostante siamo in zona arancione, quindi con norme ben precise per contenere il contagio da coronavirus. Ai no global che hanno organizzato il presidio voglio dire con chiarezza di rassegnarsi. I Cpr svolgono un ruolo fondamentale nel rimpatriare i clandestini che molto spesso vengono nel nostro Paese per delinquere". Secondo l'assessore regionale "grazie alle politiche di accoglienza del centrosinistra oggi Milano è piena di clandestini, 47.400 (secondo i dati di Orim e Polis), e sbandati".