Tiscali.it
SEGUICI

Milano, una mostra per ricordare Dalla Chiesa a 40 anni dalla morte

di Italpress   
Milano, una mostra per ricordare Dalla Chiesa a 40 anni dalla morte

MILANO (ITALPRESS) - Un eroe, un uomo, una persona che è riuscita a conquistare i cuori dei cittadini. Sono queste le immagini che permangono nel ricordo del generale Carlo Alberto dalla Chiesa nella mostra in suo onore inaugurata questa mattina al Palazzo Reale di Milano. La presentazione vuole ricordare il generale dei Carabinieri in occasione del 40esimo anniversario della sua morte: era il 3 settembre 1982 quando l'allora prefetto di Palermo, assieme alla moglie Emanuela Setti Carraro e l'agente di scorta Domenico Russo, fu assassinato da sicari mafiosi. La mostra, aperta gratuitamente fino al 26 febbraio, prodotta da Publimedia Srl e sponsorizzata tra gli altri da Unipol, è stata presentata oggi alla presenza del sindaco di Milano Giuseppe Sala, dell'assessore comunale alla Cultura Tommaso Sacchi, dal secondogenito Nando Dalla Chiesa, dal curatore Andrea Pamparana e dal generale di Corpo d'Armata dei Carabinieri Gino Micale. Dopo l'esposizione a Roma, la mostra, che con fotografie, filmati e testi ricostruisce la vita di Carlo Alberto dalla Chiesa, approda a Milano, città che, negli anni del terrorismo, ha rappresentato una tappa cruciale nella vita del Generale e nella Storia d'Italia. "Milano rende omaggio non solo come atto dovuto, ma anche perché crediamo che sia una cosa bella, giusta, di aiuto ai nostri giovani a capire e che sia un altro tassello nella nostra idea di fare memoria e costruire il futuro - ha dichiarato il sindaco Sala - Per la nostra città è stato molto importante nella sua permanenza, per il messaggio che ha lasciato.

È stato un debito di sangue immenso, però è stata una delle pagine tristi da cui il paese è ripartito". "Non so se esistano gli eroi, ma certamente se la nostra città e il nostro paese devono ricordare figure eroiche il generale lo è stato", ha sottolineato il primo cittadino. Il percorso fotografico ricostruisce la vita di Carlo Alberto dalla Chiesa dai primi passi nell'Esercito, giovane soldato in Montenegro, il matrimonio con la prima moglie Dora Fabbo, le prime indagini in Sicilia dopo l'omicidio del sindacalista Placido Rizzotto, Luciano Liggio, boss di Corleone e primo nemico giurato del giovane capitano Carlo Alberto. Gli anni del terrorismo, tra Milano e Torino, l'arresto dei capi delle Brigate Rosse, le indagini dopo il delitto di Aldo Moro, la nomina nel 1982 a Prefetto di Palermo, il feroce agguato in via Carini la sera del 3 settembre 1982. Quella che emerge è quindi una figura poliedrica che mostra un uomo dedito allo stesso tempo alla famiglia e al servizio dell'Arma e dello Stato. Un'eredità che dura ancora oggi nel lavoro costante e incessante di uomini e donne in tutto il paese. Il "metodo Dalla Chiesa" ha infatti permesso di contrastare in maniera efficace tanto il terrorismo prima quanto la criminalità organizzata poi, con l'ultimo atto di rilievo avvenuto poche settimane fa con l'arresto di Matteo Messina Denaro. Proprio questo punto è stato sottolineato dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Milano, Iacopo Mannucci Benincasa. "Il Generale Dalla Chiesa è un eroe dei nostri giorni, che ha sacrificato la vita per il bene di questa Nazione, lasciandoci in eredità il metodo con cui condurre le indagini più difficili contro la mafia e il terrorismo. Un metodo fatto di alta specializzazione e approfondita raccolta di informazioni sul territorio, che ha portato i Carabinieri del ROS, insieme agli altri reparti dell'Arma, a catturare Matteo Messina Denaro, l'ultimo dei Corleonesi. Un successo questo che rende onore allo Stato e che dà coraggio e stimoli nuovi nella lotta quotidiana alla criminalità organizzata. Un altro successo del Generale Dalla Chiesa", ha affermato. "Ognuna di queste foto potrebbe parlarci di momenti particolari del nostro paese. È una mostra che andrà in più città d'Italia e che parla di più città d'Italia. Mio padre si sentiva profondamente italiano. Ha amato tutte queste terre e queste città, ma credo che soprattutto Torino, Milano e la Sicilia abbiano rappresentato per lui davvero una parte profonda dei sentimenti degli italiani", h a ricordato Nando Dalla Chiesa sottolineando il profondo legame che si è creato tra il padre e il capoluogo lombardo. Proprio su questo, il secondogenito del generale ha raccontato che "fu qui che fece la scelta di presentarsi in pubblico da solo in Piazza della Scala perché arrivasse agli italiani il messaggio che non c'era il clima di pericolo su cui i terroristi puntavano per ricattare lo Stato".(SEGUE)(ITALPRESS).Photo Credits: xh7 xh7/trl/red 30-Gen-23 15:15 .

di Italpress   
I più recenti
Legacoop, Dadda Norma terzo settore, governo misuri impatto sociale
Legacoop, Dadda Norma terzo settore, governo misuri impatto sociale
Riforme, Sala Premierato e autonomia non arriveranno da nessuna parte
Riforme, Sala Premierato e autonomia non arriveranno da nessuna parte
Rosario Anzalone neo direttore regionale musei nazionali della Lombardia
Rosario Anzalone neo direttore regionale musei nazionali della Lombardia
Confagricoltura, una piattaforma digitale per snellire la burocrazia
Confagricoltura, una piattaforma digitale per snellire la burocrazia
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...