Milano: De Corato, 'primarie per candidato sindaco centrodestra, coinvolgere elettori'

di Adnkronos

Milano, 7 ott. (Adnkronos) - Il candidato sindaco di Milano del centrodestra per le prossime elezioni comunali deve essere investito "dal basso", più che designato, magari con il meccanismo delle primarie, per "coinvolgere gli elettori". E' quanto propone Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano, esponente di Fratelli d'Italia e assessore alla Sicurezza in Regione Lombardia, in un'intervista al Giornale. "Motivare e pescare al centro. Albertini riuscì a battere Fumagalli, candidato del centrosinistra e presidente degli industriali brianzoli, una figura forte, una persona espressione del mondo produttivo, simile a Sala se vogliamo. Serve una figura capace, come Albertini, di essere espressione dell'idem sentire del centrodestra", spiega. Per De Corato "serve qualche correttivo rispetto alle modalità di scelta tradizionali in base alle quali il partito più gettonato designa il candidato. Io dico: tentiamo un'investitura dal basso più che una designazione". Il prossimo candidato del centrodestra lo si può scegliere "come si vuole ma deve coinvolgere. Io ripeto ciò che Giorgia Meloni ha proposto. I leader indichino due-tre nomi da proporre, la rosa, poi si coinvolga chi andrà a votare. Questo non danneggia la Lega. Salvini può indicare le personalità che ritiene più idonee, se la Lega ha il 30% saranno i suoi elettori a determinare la scelta. Non si esclude il partito più forte, ma lo si rende ancora più solido. È un modello per Salvini". La leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, lo scorso agosto a Milano "ha parlato di primarie. Le primarie motivano molto di più. La gente si sente più coinvolta". Con le primarie, continua De Corato "è l'elettore a indicare il candidato. Se lo si cala dall'alto si rischia". Il centrodestra le ha sempre "completamente escluse. Ed è un errore. Bisogna trovare il modo di coinvolgere di più l'elettore del centrodestra".