Milano: Albertini, ‘Sala timoroso, dà troppo ascolto a Verdi talebani’

di Adnkronos

Milano, 7 ott. (Adnkronos) - “Rispetto a un buon primo mandato, in questo secondo vedo Sala un po’ più politicizzato, quasi avvilito". La critica al suo successore arriva dall’ex sindaco di Milano, Gabriele Albertini, parlando all’Adnkronos a margine della presentazione del suo libro ‘Rivoglio la mia Milano’.

Secondo Albertini l’attuale primo cittadino “dà troppo ascolto a una componente della sua maggioranza, i Verdi talebani, non quelli moderni e tecnologici” ed è “timoroso di dare impulso allo sviluppo tecnologico della città, che pure sta aspettando che ci sia una regia che lo favorisca”. In questo senso “il caso San Siro è evidentissimo: è uno scenario in cui la schiena dritta di un bravo amministratore impedisce l’illecito”, evidenzia l'ex sindaco, rivendicando di aver “assunto responsabilità per oltre tre miliardi da solo per i due commissariamenti, senza aver preso un avviso di garanzia. Sala è stato sfortunato: con la metà (delle risorse, ndr) ha avuto dei problemi giudiziari per Expo”.

È proprio il precedente, secondo Albertini, a “condizionare” Sala, anche su San Siro, che – sottolinea - “non è solo lo stadio Meazza, ma tutta un’area intorno a cui può esserci qualità architettonica, come per le altre cose che abbiamo realizzato noi”. Il predecessore boccia anche le politiche sulla mobilità dell’attuale giunta, “molto demagogiche e poco efficaci per la Milano che vorrei”.