Lombardia: da Regione altri 8 mln per l'efficientamento del 'manifatturiero'

di Adnkronos

Milano, 3 ott. (Adnkronos) - Dopo i 65 milioni di euro stanziati per l'efficientamento energetico delle imprese artigiane, dei commercianti e degli impianti sportivi, Regione Lombardia ha deciso di aumentare sia la dotazione finanziaria, sia la platea dei beneficiari della misura 'Investimenti per la ripresa 2022: linea efficienza energetica del processo produttivo'. Con l'aumento della dotazione finanziaria, pari a 8 milioni di euro, potranno partecipare al bando anche le attività manifatturiere; l'investimento regionale totale sale così a 73 milioni di euro. Lo prevede una delibera approvata dalla Giunta su proposta dell'assessore allo Sviluppo economico, Guido Guidesi, di concerto con l'assessore agli Enti locali, Piccoli Comuni e Montagna, Massimo Sertori.

Viene prorogata altresì dal 31 marzo al 30 giugno 2023 il termine per la trasmissione della rendicontazione delle spese sostenute: "Con questo ulteriore finanziamento -spiega Guidesi- diamo la possibilità a tutte le tipologie di impresa di poter provvedere all'efficientamento energetico del proprio ciclo produttivo con il sostegno della Regione".

"Un'ulteriore conferma -aggiunge Sertori- è una dell'attività portata avanti da questa legislatura in tema di efficientamento energetico e diffusione delle fonti energetiche rinnovabili ancor prima che a livello centrale si iniziasse a definire la cosiddetta transizione energetica". "Questa ulteriore iniziativa - ha concluso Sertori - permetterà di finanziare impianti a servizio di comunità energetiche, composte sia da soggetti pubblici che privati, che aiuteremo a far nascere sul nostro territorio e che permetterà di creare una rete sempre più vasta di sistemi virtuosi".

Gli interventi regionali sono volti alla concessione di contributi a fondo perduto per interventi in tema di efficientamento energetico. L'agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto fino al 50% della spesa ritenuta ammissibile, nel limite massimo di 50.000 euro. Sono ammissibili i progetti con un ammontare minimo pari a 15.000 euro.

Beneficiari sono micro, piccole e medie imprese in possesso dei seguenti requisiti: sede, legale o operativa, in cui si svolge il processo produttivo e oggetto dell'intervento, in Lombardia; iscritte e attive nel Registro delle imprese (come risultante da visura camerale) da oltre 12 mesi; siano imprese codice Ateco, sezione C (attività manifatturiere).

Per tutti i dettagli consultare il sito www.imprese.regione.lombardia.it.