Lombardia: in Consiglio Regione mozioni su vaccini e riapertura attività (4)

di Adnkronos

(Adnkronos) - Rinviata in Commissione Sanità la mozione dei 5 Stelle (primo firmatario Gregorio Mammì) che chiede di prorogare causa Covid oltre la scadenza prevista dei 12 mesi, per evitare che perdano validità, le prescrizioni mediche per le visite specialistiche riguardanti lo stato di gravidanza rilasciate dai ginecologi in libera professione. La mozione chiede anche di prevedere in via sperimentale, per la durata dell’epidemia, la possibilità di prescrivere visite specialistiche ed esami connessi allo stato di gravidanza agli esercenti la libera professione di ginecologo. Abbattere i vecchi stabili Aler di Milano che non hanno progetti di recupero così da mettere in sicurezza le aree. E’ quanto prevedeva una mozione del Movimento 5 Stelle (primo firmatario Nicola Di Marco) respinta dal Consiglio regionale, che sottolineava la necessità di attingere ai fondi messi a disposizione del bando 'Programma innovativo per la qualità dell’abitare'. Il documento evidenziava anche la necessità di avviare un piano di recupero urbano (area Pru) nel comune di Pieve Emanuele. Una campagna di comunicazione per convincere i dubbiosi che lavorano nelle strutture sanitarie e sociosanitarie a farsi inoculare il vaccino anti Covid. E con il Consiglio regionale protagonista in prima linea della sensibilizzazione attraverso una campagna dal titolo 'Consigliamo il vaccino' per spingere il personale sanitario a rivedere la scelta di non sottoporsi al piano preventivo di immunizzazione. Sono i contenuti di una mozione urgente presentata dalla consigliera Viviana Beccalossi, e respinta in conclusioni dei lavori dall’aula.