Giustizia: presidente C. Appello Milano, 'violenza bande giovanili aggravata da lockdown'

di Adnkronos

Milano, 22 feb. (Adnkronos) - I reati contro la persona sono al terzo posto nella statistica della tipologia dei reati iscritti fra i procedimenti pendenti nel Distretto della corte d'Appello di Milano (dopo i reati contro il patrimonio e quelli sul traffico di droga) con 953 fascicoli pari al 7,72% di quelli aperti nell'anno giudiziario 2020-2021. E' quanto emerge nella relazione diffusa durante l'inaugurazione dell'anno giudiziario. In particolare si sottolinea come questo tipo di reati si concentrino maggiormente in provincia rispetto a grandi città come Milano e l'hinterland e si può spiegare "con la diffusione, soprattutto fra i giovani, di fenomeni di violenza di gruppo del tutto nuovi, amplificati e aggravati dal periodo del lockdown", scrive il presidente della corte d'Appello di Milano Giuseppe Ondei. "Si tratta dell'inquietante fenomeno di gang o bande giovanili che si sfidano in piazza senza ragioni, ovvero di 'bande', talora connotate da comune provenienza etnica, che si affrontano alla insensata ricerca di supremazie, entro limitati ambiti territoriali, ottenute attraverso l'attivazione di spedizioni 'punitive' in danno degli avversari, di condotte sopraffattorie o di intimidazione, specie su coetanei, al limite dell'estorsione", spiega.