Formentini, sindaco di Milano 'apre' camera ardente a Palazzo Marino

Formentini, sindaco di Milano 'apre' camera ardente a Palazzo Marino
di Italpress

MILANO (ITALPRESS) - È stato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, il primo a rendere omaggio al feretro di Marco Formentini, primo cittadino leghista del capoluogo lombardo tra il 1993 e il 1997, scomparso lo scorso 2 gennaio a 90 anni. Sala si è fermato a parlare con i tre figli di Formentini prima di avere un momento di raccoglimento personale davanti alla bara. La camera ardente, allestita all'interno della Sala Alessi di Palazzo Marino, sede del Comune, sarà aperta per tutta la mattina. Alle 14.30 cerimonia di commemorazione. Sulla bara e intorno ad essa sono state poste rose rosse, mentre una grande corona di fiori del Comune sovrasta la salma. Ai lati, anche i gonfaloni del Comune, della Regione Lombardia e della Città Metropolitana di Milano. "Era un gentiluomo ed era simpatico. Io l'ho sentito quasi fino alla fine e sono molto contento che i figli mi abbiano detto di quanto mi stimava e la cosa era ricambiata", ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che, a margine della sua visita alla camera ardente, ha aggiunto: "Era una persona con un'umanità straordinaria - ha aggiunto Sala - e con un percorso politico che cercava sempre di portare avanti delle idee e dei cambiamenti. La sua umanità e la sua vera passione sono i motivi per cui Milano lo ricorderà con riconoscenza. E lo dico senza retorica". Sulla possibilità dell'intitolazione di una via o di un luogo della città alla memoria di Formentini, Sala ha affermato: "Sì, devo chiedere alla commissione ma troveremo una formula, c'è questa regola dei 10 anni che è abbastanza rigida per tutti noi". Il regolamento del Comune di Milano infatti impone che trascorrano 10 anni dalla morte prima che possa essere intitolata una via a un defunto. "Credo che da ex sindaco - ha concluso Sala - anche Formentini avrebbe voluto far rispettare le regole, però certamente la mia opinione è che è senz'altro meritevole di questo". (ITALPRESS). mig/vbo/r 04-Gen-21 11:10