Tiscali.it
SEGUICI

Falsi contratti per la fornitura di luce e gas, smantellata una rete criminale tra Italia e Albania

di Agenzia DIRE   
Falsi contratti per la fornitura di luce e gas, smantellata una rete criminale tra Italia e Albania

MILANO -Una trappola studiata ad arte tra l'Italia e l'Albania per estorcere denaro alle proprie vittime -tra queste anche un'anziana donna veneta di 87 anni- attivando falsi contratti per la fornitura di energia. A smascherare il caso di "telemarketing selvaggio", sono state le indagini coordinate dalla Procura di Milano, che hanno coinvolto anche la polizia albanese. Tutto è partito da una querela di un sacerdote milanese, tartassato dalle telefonate di call center che con insistenza e toni aggressivi gli chiedevano il pagamento di bollette insolute relative a contratti della luce e del gas mai sottoscritti. Il Centro operativo per la sicurezza cibernetica di Milano ha così scoperto l’esistenza di un sistema criminale- costituito da due società padovane fornitrici di luce e gas e da numerosi call center con sedi in Italia e in Albania- specializzato in attivazioni fraudolente di contratti per la fornitura di energia, estorsioni e auto riciclaggio dei proventi illeciti.CONTRATTI SOTTOSCRITTI CON L'INGANNO. RAGGIRI PER 9 MILIONI DI EUROI raggiri compiuti dagli indagati -che nei primi tre mesi del 2023 hanno fruttato 9 milioni di euro- partivano dalle numerose e insistenti telefonate, anche la mattina presto e in tarda serata, con cui venivano raccolti i dati delle vittime, le quali erano convinte di parlare con dipendenti dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente o di compagnie energetiche con cui avevano stipulato regolari contratti per la fornitura di luce e gas.

Informazioni che venivano raccolte ricorrendo a pretesti come, ad esempio, fantomatici lavori stradali che avevano troncato i cavi elettrici o i tubi del gas e a causa dei quali era necessario attivare temporaneamente un nuovo contratto con un operatore “convenzionato”. Quando non riuscivano a persuadere la vittima, gli indagati utilizzavano i dati acquisiti durante le telefonate per attivare ugualmente il contratto apponendo firme false in calce alla documentazione cartacea.VOCE DELLE VITTIME REGISTRATA DURANTE LE TELEFONATE E MANIPOLATA AD ARTE PER VALIDARE I CONTRATTIIn altri casi, quando la procedura di attivazione del contratto richiedeva una registrazione vocale, la voce della vittima, registrata durante la telefonata, veniva manipolata ad arte con editor audio o con app di intelligenza artificiale affinché si potessero udire, pronunciati dall’ignaro utente, i necessari dati personali e i vari “sì” in risposta alle domande dell’operatore telefonico incaricato di raccogliere il consenso. Solo dopo alcuni mesi, le vittime, del tutto inconsapevoli di aver sottoscritto un contratto con una nuova compagnia energetica, si vedevano recapitare salatissimi solleciti di pagamento per bollette non pagate. A quel punto iniziava il calvario delle innumerevoli telefonate, dai toni sempre più aggressivi e intimidatori, con cui sedicenti addetti al recupero crediti richiedevano il pagamento dell’insoluto.TONI MINACCIOSI: 'INTANTO TI DEPOTENZIAMO LA FONITURA ELETTRICA E SE ANCORA NON PAGHI TI STACCHIAMO LA CORRENTE'In diversi casi, accertati nel corso delle indagini, tali richieste si trasformavano in vere e proprie estorsioni. "Intanto ti depotenziamo la fornitura elettrica e, se ancora non paghi, ti stacchiamo la corrente”, dicevano gli operatori dei call center fasulli, che si dimostravano ancora più aggressivi nei confronti delle vittime più vulnerabili. Le indagini hanno interessato le due sedi operative delle società energetiche padovane, peraltro di recente sanzionate dal Garante della privacy e dall’antitrust, 12 sedi di call center (di cui 3 in Albania) e 21 persone tra amministratori, commercialisti, consulenti e dipendenti delle società energetiche e di call center.

di Agenzia DIRE   
I più recenti
Università Bicocca, l'aula Sofia Castelli in ricordo studentessa uccisa
Università Bicocca, l'aula Sofia Castelli in ricordo studentessa uccisa
Milano, minacciano 89enne e le danneggiano la porta di casa. Arrestati
Milano, minacciano 89enne e le danneggiano la porta di casa. Arrestati
Parigi 2024, Lombardia regione con il maggior numero di atleti. Sono 80
Parigi 2024, Lombardia regione con il maggior numero di atleti. Sono 80
Lombardia, flash mob opposizioni in Consiglio contro governo Fontana
Lombardia, flash mob opposizioni in Consiglio contro governo Fontana
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...