A Milano oltre 15 centimetri di neve, il Comune ‘chiude’ i parchi pubblici

A Milano oltre 15 centimetri di neve, il Comune ‘chiude’ i parchi pubblici
di Agenzia DIRE

MILANO - Come previsto, Milano (con tutta la Lombardia) stamattina si è svegliata imbiancata da una coltre di neve che è ben più di una semplice 'spruzzata': alle 7.15 erano già 15 i centimetri caduti sul capoluogo, con precipitazioni che si manterranno abbondanti "fino alle 12", come sottolinea l'assessore ai Lavori Pubblici meneghino, Marco Granelli. "Oggi parchi recintati chiusi" annuncia Granelli, che da parte dell'amministrazione sconsiglia vivamente ai cittadini di frequentare le aree verdi cittadine, "soprattutto se alberate". L'assessore parla di circolazione stradale ovviamente lenta, ma senza blocchi: "Ora l'impegno è per togliere alberi caduti in strada e pulire gli accessi a ospedali e strutture sanitarie e i punti tampone", aggiunge. Dal Comune, come annunciato dallo stesso Granelli, dalla scorsa notte all'1 sono in servizio "200 mezzi per liberare le strade e continuare a salare" uniti a 150 persone "per interventi sui punti critici dei marciapiedi", come fermate Atm e accessi uffici pubblici, ospedali, servizi. "In giornata entreranno in servizio altre 400 persone", afferma l'assessore, mentre sono operative "cinque squadre della Protezione civile e 50 pattuglie della Polizia Locale". Una nevicata intensa, che ha investito tutta la regione: anche i trattori degli agricoltori della Coldiretti sono mobilitati come spalaneve per pulire le strade e per la distribuzione del sale contro il pericolo del gelo, come fa sapere la stessa Coldiretti Lombardia. Quello degli alberi, insieme alla liberazione totale delle strade, pare essere il primo problema da risolvere nel capoluogo. In particolare, come certifica lo stesso Granelli, due alberi caduti in via Raffaello Sanzio hanno tranciato i cavi delle linee tranviarie.