Tiscali.it
SEGUICI

Pd, terremoto in Liguria: 30 passano con Calenda

di Adnkronos   
Pd, terremoto in Liguria: 30 passano con Calenda

Roma, 8 set. (Adnkronos) - Un vero e proprio terremoto. Circa una trentina di esponenti dem liguri hanno lasciato il Pd per entrare in Azione. Tra cui il consigliere regionale Pippo Rossetti e la consigliera comunale Cristina Lodi. Due nomi di peso, anche in termini di voti: Lodi, per dire, è stata la consigliera più votata, alle ultime amministrative nel comune di Genova. La motivazioni in una lettera al gruppo dirigente ligure: con Elly Schlein, scrivono, c'è "una netta svolta a sinistra, in cui viene sostanzialmente negato il processo del riformismo messo in campo negli ultimi dieci anni" per questo "non ci sentiamo più a casa nostra".

E la nuova di 'casa' sarà quella di Azione. "E’ il momento di agire con coraggio e aderire al progetto riformista di Azione con Carlo Calenda. Partito che fonda le proprie radici nella Costituzione, che non media per forza con il populismo dilagante". Uno smottamento a livello locale che arriva dopo gli addii a livello nazionale dei mesi scorsi dall'ex-capogruppo al Senato, Andrea Marcucci, a Enrico Borghi passato con Matteo Renzi e attuale presidente dei senatori.

Interviene a caldo Lorenzo Guerini, punto di riferimento dell'area riformista Pd, che mette in guardia: "Non ignorare il disagio". Del resto già nelle scorse settimane si era accesa una dialettica interna dopo le parole della segretaria Schlein sulle spese militari e quindi l'adesione alla battaglia della Cgil contro il Jobs Act del governo Renzi. Dice Guerini: "Sono molto dispiaciuto dell’uscita di Pippo Rossetti e Cristina Lodi dal Partito Democratico. Rispetto la loro scelta anche se non la condivido. Ma forse è il caso di interrogarci tutti, a partire da chi ha le più alte responsabilità nel partito, di fronte a queste e altre uscite. Al netto delle motivazioni personali, c’è un disagio che sarebbe sbagliato ignorare. Ne va dell’identità e del progetto del Pd, comunità plurale e inclusiva cui tutti teniamo”.

A 'festeggiare' è invece Calenda. Non solo per i nuovi innesti ma anche per la valenza politica che assumono: "Le porte sono aperte per liberal-democratici, popolari e riformisti. Noi siamo riformatori, non centristi", chiosa il leader di Azione sui social distinguendo la vocazione del suo partito dall'operazione centrista di Matteo Renzi.

"Diamo il benvenuto in Azione al Consigliere Regionale della Liguria Pippo Rossetti e alla Consigliera Comunale di Genova Cristina Lodi che insieme a circa trenta amministratori e membri degli organi territoriali del Pd hanno aderito al nostro partito. Le ragioni di questa scelta sono ben spiegate nel documento allegato che vi invito a leggere. La scelta, legittima e consapevole, del Pd di spostarsi su posizioni marcatamente massimaliste, chiude la stagione della vocazione maggioritaria. Azione è il partito che si candida a rappresentare i valori repubblicani riassunti nella prima parte della Costituzione", sottolinea Calenda.

"Le porte sono aperte per liberal-democratici, popolari e riformisti; le grandi culture politiche italiane ed europee che hanno costruito l’Italia e che sono state marginalizzate dal bipopulismo. Riformatori, non centristi". Aggiunge il capogruppo alla Camera, Matteo Richetti: "Azione ha ritrovato la sua capacità di aggregazione e iniziativa politica. La nostra opposizione a Genova e in Liguria proseguirà con ancora più incisività: alternativi ai governi di destra guidati da Toti e Bucci ma con un modo di fare opposizione sempre nel merito e mai fondato su propaganda e sterile contrapposizione".

di Adnkronos   
I più recenti
Toti, oggi poltrona è un peso,sceglierò per bene Liguria
Toti, oggi poltrona è un peso,sceglierò per bene Liguria
Rigassificatore, Piana Abbiamo ascoltato le esigenze del territorio
Rigassificatore, Piana Abbiamo ascoltato le esigenze del territorio
Liguria, no a revoca domiciliari per Toti. Il legale: faremo ricorso
Liguria, no a revoca domiciliari per Toti. Il legale: faremo ricorso
Toti resta ai domiciliari, il Riesame boccia l’appello: “Persistente pericolosità”
Toti resta ai domiciliari, il Riesame boccia l’appello: “Persistente pericolosità”
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...