Pd: domani Direzione su liste, malumori su Mdp e area Giachetti valuta no/Adnkronos

di Adnkronos

Roma, 10 apr. (AdnKronos) (di Mara Montanari) - L'area Lotti-Guerini sta alla finestra e deciderà domani, a liste ultimate, l'atteggiamento da tenere: votare a favore o astenersi. Dai turborenziani di Roberto Giachetti l'apertura di credito è minore e sul tavolo c'è anche la possibilità di un voto contrario. Alla vigilia della Direzione Pd sulle liste alle europee le minoranze dem sono in fibrillazione. E sia per l'area Lotti/Guerini che per la componente Giachetti il punto di caduta saranno i nomi di Mdp in lista. Perchè un conto è candidare personalità di area, un conto ex-parlamentari come Cecilia Guerra che è stata capogruppo degli 'scissionisti' al Senato. Dice un big dell'area Lotti: "Noi abbiamo votato a favore della relazione di Zingaretti all'ultima Direzione quando ha parlato di liste aperte per le europee ma senza nessun ritorno al passato. Ora vorremmo capire quali sono i confini politici di quella impostazione, come il segretario tradurrà il concetto di apertura e inclusività senza ritorni al passato...". Le minoranze aspettano di vedere le liste ultimate. L'area Lotti/Guerini se ci saranno 'volti noti' di Mdp potrebbe non votare a favore. Di contro, la componente considera di avere "uno o più candidati" in tute le circoscrizioni, a partire da Simona Bonafè e Nicola Danti. Dalle parti del segretario, la polemica viene giudicata "pretestuosa. Votano contro perché forse in lista ci sarà un eurodeputato uscente?". Il riferimento è a Massimo Paolucci che dovrebbe essere candidato in Campania. Dal Nazareno confidano che alla fine le polemiche rientreranno. Quale sarà la decisione della minoranze (area Lotti-Guerini, area Giachetti e quella Martina-Delrio-Orfini), Zingaretti ha i numeri per il via libera. Ma distinguo all'apertura della campagna elettorale non sarebbero un buon viatico e si sta appunto lavorando in queste ore per arrivare domani a un voto unitario.