Ok Corte Conti a bilancio regione Lazio, un team per Roma

Ok Corte Conti a bilancio regione Lazio, un team per Roma
di Italpress

ROMA (ITALPRESS) - Il Bilancio della Regione Lazio riceve anche per il 2019 un parere positivo dalla Corte dei Conti, con qualche eccezione e raccomandazione sollevata dal procuratore Andrea Lupi. Il giudizio di parifica è arrivato questa mattina letto dal presidente della Sezione regionale di Controllo per il Lazio della Corte dei Conti, Roberto Benedetti, dopo aver ascoltato la relazione in udienza di Giuseppe Lucarini, e la requisitoria del procuratore regionale Andrea Lupi. Pur avendo passato l'esame della Corte dei Conti due sono state le eccezioni sollevate dai giudici tributari: una riserva riguardante il fondo contenzioso e l'esclusione del capitolo del trattamento fine servizio dei dipendenti. Entrando nel merito dei numeri del Lazio Lupi ha ricordato come: "La regione Lazio - ha detto Lupi - ha conseguito il pareggio di bilancio di competenza e di cassa. A fronte di un risultato "contabile" di amministrazione pari a 898.033.315,26 euro, in miglioramento rispetto al saldo contabile della precedente gestione, pari a 730.481.745,22 euro (con un differenziale positivo di 167.551.570,04 euro), la gestione finanziaria 2019 registra un risultato di amministrazione 'effettivo' di -7.745.089.688,90 euro, derivante dalla somma algebrica tra il saldo di 898.033.315,26 euro, e il totale della parte accantonata, per 8.093.575.910,30 euro, e della parte vincolata, per 549.547.093,86 euro". Positivi i giudizi sull'andamento generale dei conti, quindi, ma con alcune incongruenze, a partire: "dall'assoluta inadeguatezza del fondo contenzioso. La somma di 40 milioni di euro appostata è del tutto priva di effettività atteso che il valore del contenzioso si aggira intorno ai 3,8 miliardi di euro" Le ultime critiche hanno riguardato il Forlanini e l'erosione degli arenili. Per il primo Lupi si è augurato: "l'esigenza di dare attuazione, quanto prima, al progetto di riqualificazione già deliberato dalla Giunta per scongiurare il rischio di degrado e di definitivo abbandono non solo del compendio immobiliare, ma anche del pregevolissimo Parco botanico di 12 ettari e del Museo anatomico"; per il secondo aspetto ha ricordato come: "Ogni anno la Regione finanzia con ingenti somme gli interventi manutentivi ordinari, ma anche di urgenza, per limitare tale erosione, quale ad esempio il ripascimento della costa, in particolare, tra Fregene e Focene. Tuttavia, gli interventi ad oggi non hanno ottenuto risultati di rilievo a parte l'impegno di notevolissime risorse finanziarie". "L'attività della Corte - ha detto il presidente della regione Nicola Zingaetti - ha costituito un riferimento e uno sprone, spesso severo ma anche equilibrato e ci ha educato a non abbassare mai la soglia e la guardia. Questo confronto con la Corte dei Conti è servito a migliorare il Lazio" Subito dopo ha preso la parola il sindaco di Roma, Virginia Raggi, che ha ricordato che: "Da sempre noi amministratori siamo chiamati a gestire i nostri enti con trasparenza e attenzione. Dobbiamo garantire servizi efficienti, con crescita e sviluppo, muovendoci però in vincoli di bilancio molto stringenti. Questo è uno dei momenti più drammatici a causa del Covid, e in questo periodo siamo stati chiamati ad attivare risposte straordinarie a bisogni imprevedibili e impensabili dei nostri cittadini". A lei, poi, si è rivolto il presidente della sezione Benedetti che ha annunciato: "Stiamo organizzando non una sezione a parte ma una articolazione della sezione della Corte dei Conti dedicata a Roma Capitale, come segnale dell'importanza di questa città. E' un impegno che sento dal punto di vista morale. Vogliamo restituire a Roma l'attenzione che in passato non le è stata data. Vogliamo capire bene, è un Comune non uguale agli altri, con i problemi che questo comporta, anche nel funzionamento, ahinoi, delle partecipate. Ci immaginiamo un grosso impegno". (ITALPRESS). mac/pc/red 31-Lug-20 15:34