Milano: Sala a Gualtieri, 'più facile fare sindaco qui', la risposta 'città fortunata ad avere te'

di Adnkronos

Milano, 23 set. (Adnkronos) - Un botta e risposta con ampio scambio di stima tra il sindaco di Milano Beppe Sala e il suo omologo di Roma, Roberto Gualtieri, presenti a un dibattito del festival 'Il verde e il blu', a Palazzo Reale di Milano. "Il compito che si è assunto questo signore -ha detto Sala riferendosi a Gualtieri- è veramente molto difficile e merita la nostra attenzione e simpatia perché non è più il momento della rivalità tra Milano e Roma, l'Italia funziona bene se funzionano bene entrambe le città. Dobbiamo davvero darci una mano per lavorare assieme", anche perché "Roma è troppo importante per il nostro Paese". Poi, parlando della sua esperienza alla guida del capoluogo lombardo, Sala aggiunge: "Io ho fatto due mandati e finirò nel 2027; mi auguro che anche nel tuo caso i mandati siano due. Anzi -ironizza- non so se augurartelo", più che altro perché "è più facile fare il sindaco a Milano che a Roma".

Da parte sua, il sindaco della Capitale ha ricambiato la stima, sottolineando la collaborazione in corso con la città di Milano su vari temi, tra cui ambiente, mobilità elettrica e trasporto pubblico: "Ringrazio Beppe perché noi stiamo collaborando in maniera molto stretta intorno a questa idea fondamentale che non c'è rivalità, ma anzi c'è sinergia che è necessaria ed è vantaggiosa per entrambi", dice Gualtieri. Si tratta "una necessità per il Paese che Roma e Milano concorrano ad aiutare il Paese ad affrontare le sfide e accogliere grandi opportunità". Del resto "Roma parte da problemi che si sono accumulati", dunque la situazione è obiettivamente molto difficile, ma in ogni caso "da soli non ce la si fa. Questa rete di collaborazione delle città è decisiva".

Aggiunge Gualtieri: "Io ho avuto la fortuna di incontrare Beppe che non solo è un grandissimo sindaco, che Milano è fortunata ad avere, ma è anche una persona che ha colto questo elemento e sta lavorando per costruire un asse molto robusto e solido". Ecco perché "stiamo facendo squadra e questo credo sia un modello per il quale lo devo ringraziare assicurando da parte mia l'impegno a lavorare insieme". E questo, sottolinea, "mai in una logica campanilista ma di sistema, per aiutare le città e il Paese". Al che Sala ha concluso: "Dobbiamo davvero darci una mano per lavorare insieme. Anche a nome della cittadinanza milanese, io prometto quindi aiuto e sostegno perché noi abbiamo un gran bisogno di Roma".