La Palma, le nuove immagini aeree del vulcano Cumbre Vieja. Nube verso l'Italia: l'allarme

'Sorvegliate speciali' sono in particolare la Sardegna e la Sicilia. Mentre altre regioni del centro sud saranno solo sfiorate dalle coltre

di Ansa

Non si ferma l'eruzione vulcanica iniziata il 19 settembre sull'isola di La Palma (Canarie): da inizio eruzione, oltre 500 edifici sono stati sepolti dalla lava. Le autorita' locali hanno ordinato alla popolazione di alcuni nuclei urbani situati sulla costa di rimanere in casa. Ora si riapre la possibilita' che la lava raggiunga il mare, fenomeno che provocherebbe "colonne di vapore d'acqua cariche di acido cloridrico" che potrebbero rappresentare un "pericolo locale" per persone che si trovino li' vicino, secondo quanto spiegato dall'Istituto di Vulcanologia delle Canarie. Di fronte a questa possibilita', per precauzione le autorita' locali hanno ordinato alla popolazione di alcuni nuclei urbani situati sulla costa ovest di La Palma di rimanere in casa.

Ma non solo scatta l'allarme anche in Italia. La nube di polveri e gas con all'interno diverse sostanze potenzialmente pericolose, tra le quali il biossido di zolfo, sta attraversando ad alta quota il Mediterraneo. 'Sorvegliate speciali' sono in particolare la Sardegna e la Sicilia dove transiterà la nube a maggiore concentrazione, mentre altre regioni del centro sud saranno solo sfiorate dalle coltre.

Analizzando le carte pubblicate da Copernicus, il programma di osservazione della terra dell'Unione europea che monitora il nostro pianeta e il suo ambiente, si evince che nei prossimi due giorni la nube sorvolerà la Sardegna e raggiungerà anche la Sicilia per poi allontanarsi. "Stiamo verificando la situazione dalle nostre 34 stazioni della rete regionale di monitoraggio ambientale da quando il fenomeno è iniziato - spiega all'ANSA Alessandro Serci dell'Arpa Sardegna - la situazione attualmente è sotto controllo, entro i 3 microgrammi per metro cubo di biossido di zolfo. Non ha piovuto e non ci sono state ricadute".

Anche le previsioni virano all'ottimismo. "Le simulazioni fatte dagli uffici competenti indicano che l'inquinante è stazionario a 5mila metri di altezza - precisa Serci - E non ci sono fenomeni meteo che comportano la ricaduta di questo inquinante verso il nostro territorio. Il dato peggiore che ci era stato indicato era previsto per sabato e domenica, ma fortunatamente non abbiamo avuto nessuno sforamento dei limiti della qualità dell'aria".