Riviera romagnola piegata da vento e pioggia “eccezionali”, volontari al lavoro

Riviera romagnola piegata da vento e pioggia “eccezionali”, volontari al lavoro
di Agenzia DIRE

RAVENNA - Riviera romagnola piegata dal maltempo delle ultime ore, con il vento che questa mattina ha raggiunto raffiche di oltre 100 chilometri all'ora sulla costa e tanta pioggia. Diverse strade a Ravenna al momento risultano interrotte, anche se la situazione è in continuo aggiornamento e si lavora per riaprirle il prima possibile, dopo la caduta di diversi alberi: via Stradello a Madonna dell’Albero, via Canala a Piangipane, viale Romagna a Lido di Savio, via dei Mille e viale Nazioni a Marina di Ravenna. Risulta inoltre chiusa via delle Valli, a causa di un cavo di linea a bassa tensione riversato sulla strada, mentre sono sono caduti anche diversi cartelli, in più parti del territorio comunale ravennate, e risultano divelte alcune pensiline e cassonetti.A Lido di Savio si è registrata un'ingressione marina e, tra l'altro, è stato chiuso il traghetto sul porto canale che collega Marina di Ravenna a Porto Corsini. Il sindaco, Michele De Pascale, ringrazia tutti gli operatori e i volontari in campo “per tutte le necessarie operazioni in corso”, raccomandando “la massima prudenza” e invitando i cittadini “a rimanere in casa” e a “muoversi solo in caso di necessità”. Anche e soprattutto al porto, intanto, si sta affrontando il maltempo. La nave da crociera Viking Sea, che alle 8 era regolarmente ormeggiata (area sud) al terminal crociere di Porto Corsini, ha sbandato allontanandosi dalla propria posizione per le raffiche di bora provenienti da nord, “di intensità assolutamente straordinaria”, confermano all'Autorità portuale ravennate parlando di “situazione eccezionale” dal punto di vista del meteo. Sono intervenuti la Capitaneria di porto così come rimorchiatori, piloti e ormeggiatori, dando supporto alla nave “che è ora in sicurezza e costantemente monitorata”. Non c'è stata comunque alcuna conseguenza per i passeggeri, che stanno proseguendo regolarmente le proprie attività a bordo. La Viking è stata riormeggiata nella propria posizione e, quando le condizioni meteo lo consentiranno, lascerà il porto di Ravenna.A RICCIONE ALBERI IN STRADA E SUPER LAVORO PER CENTRALINO VOLONTARIAnche a Riccione, dopo il violento nubifragio di questa mattina, la Polizia locale insieme alla Protezione civile è al lavoro rispondendo alle numerose chiamate arrivate. Al momento la situazione viene definita in Comune “sotto controllo”, con diversi alberi caduti ma senza troppe preoccupazioni. Non si registrano danni alle persone e nessuna particolare criticità sulla viabilità. “Ci siamo subito attivati per monitorare l'alta marea al porto, che al momento è la situazione che desta più preoccupazione. In generale proseguirà il monitoraggio e siamo pronti ad intervenire dove necessario, attività che proseguiremo nelle prossime ore", evidenzia l'assessore all'Ambiente, Christian Andruccioli.Le squadre dei volontari di Protezione civile del gruppo Arcion si sono attivate subito dopo le prime piogge, intervenendo in alcuni casi per far defluire l'acqua e scongiurare problemi al traffico. Un albero è caduto su un'auto in via Savona, di nuovo senza ferire nessuno.COMUNE DI CERVIA AI CITTADINI: NON USCITE DI CASAIl Comune di Cervia, intanto, parla di situazione in rapido peggioramento e raccomanda di “non uscire di casa, di non sostare nei seminterrati e nei piani terra nella zona del porto canale, piazzale Bianchetti e da via Boito a via Mascagni, da viale 2 giugno verso il mare”. Si sta procedendo in città con la chiusura delle strade allagate e interessate dalla caduta dei rami, mentre l'amministrazione comunale invita a “non utilizzare auto o altri mezzi di trasporto, a causa della pericolosità delle strade e delle alberature”. Il Comune di Cesenatico segnala intanto che il vento e l’altezza dell’onda sono in calo rispetto a qualche ora fa. Il vento ha raggiunto punte di 110 chilometri all'ora, qui, e al momento sta viaggiando sui 60. Nel territorio comunale sono decine le segnalazioni per alberi caduti e danni ad edifici anche se lievi. Le maggiori criticità sono state registrate sulle spiagge, dove l’acqua è arrivata in molti punti fino agli stabilimenti balneari. Un gruppo di volontari della Protezione civile provinciale sta aiutando gli operai sul campo, la Polizia locale è in strada per raccogliere segnalazioni e seguire la viabilità.