Tiscali.it
SEGUICI

Consumo di suolo, stop dalla Regione a nuovi insediamenti

di Italpress   
Consumo di suolo, stop dalla Regione a nuovi insediamenti

BOLOGNA (ITALPRESS) - L'Emilia-Romagna taglia oltre 15.274 ettari di consumo di suolo sui 21.922 previsti nei Piano regolatori generali (Prg) e nei Piani strutturali comunali (Psc) previgenti, decaduti alla fine del 2022: il 70% in meno. Una superficie superiore, per estensione, all'intera città di Rimini. È questo il primo risultato concreto legge regionale n. 24/2017, "Disciplina sulla tutela e l'uso del territorio", a cinque anni dall'entrata in vigore. La conferma arriva da una ricognizione effettuata dalla Regione in collaborazione con l'Istituto sui trasporti e la logistica, l'Università di Bologna e l'Università di Parma, per verificare lo stato di attuazione delle previsioni insediative entro il 31 dicembre 2021, il termine entro il quale i Comuni potevano avviare l'iter di approvazione degli insediamenti previsti al momento dell'entrata in vigore della legge. Un taglio molto probabilmente destinato a salire visto che alla fine di quest'anno scadrà l'altro periodo transitorio fissato dalla legge, quello per approvare e convenzionare le previsioni insediative per il quale era già stato avviato l'iter: complessivamente 2.

724 ettari - tra previsioni avviate (1.629 ettari) e approvate (1.095 ettari) - che potrebbero almeno in parte decadere. I dati sono stati diffusi oggi a Bologna presso, l'Aula absidale Santa Lucia nel corso del convegno "Consumo di suolo e rigenerazione urbana, un primo bilancio della legge n. 24/2017". Stop a nuove previsioni insediative in espansione, rigenerazione urbana, recupero e riqualificazione del patrimonio esistente sia in ambito abitativo che per le aree produttive dismesse. Questi i due assi portanti della legge. E per quanto riguarda gli interventi già previsti dai precedenti Piani urbanistici alcuni meccanismi per disinnescarli. Quali appunto l'obbligo per i Comuni di predisporne e avviarne l'iter di approvazione non oltre la fine del 2021 e la stipula delle convenzioni non oltre il 31 dicembre 2023. "Siamo una delle poche Regioni che si è data una legge che disciplina il consumo di suolo. E ora siamo nelle condizioni di fare un bilancio oggettivo, mettendo da parte ogni posizione pregiudiziale- hanno detto il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l'assessora regionale alla Programmazione territoriale e paesaggistica, edilizia e politiche abitative, Barbara Lori-. I dati ci dicono che la nostra legge sta funzionando, come confermano anche le analisi relative alle aree a rischio idrogeologico dove il taglio ha raggiunto in ettari, l'80% del totale. Ma è evidente che siamo davanti a un problema che non può essere affrontato solo su scala regionale. Ed è per questo che oggi ribadiamo con forza la necessità di una legge nazionale che ponga i temi del recupero e della rigenerazione urbana al centro del dibattito perché veniamo da decenni in cui si è costruito troppo e male, in tutto il Paese." "Allo stesso tempo- chiudono presidente e assessore- occorre spingere sulla definizione dei nuovi Piani urbanistici generali (Pug) e dei Piani territoriali di area vasta (Ptav) in modo diffuso sul territorio per poter utilizzare al meglio tutti gli strumenti che la legge regionale mette a disposizione. In questa direzione, ad esempio, gli accordi operativi potranno contribuire allo sviluppo di partnership pubblico-privato capaci di rigenerare le città rendendole sempre più a misura di cittadini e imprese".foto: ufficio stampa regione Emilia Romagna (ITALPRESS). tvi/com 28-Nov-23 13:27 .

di Italpress   

I più recenti

Sciame sismico in provincia di Parma: forte scossa sentita anche in centro città
Sciame sismico in provincia di Parma: forte scossa sentita anche in centro città
Corsini Rendere il trasporto pubblico sempre più competitivo
Corsini Rendere il trasporto pubblico sempre più competitivo
Sos aggressioni ai medici: “Ci scappa il morto, aiutateci”
Sos aggressioni ai medici: “Ci scappa il morto, aiutateci”
Per Trenton arriva la certificazione per la parità di genere
Per Trenton arriva la certificazione per la parità di genere

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...