Bonaccini "Per asili nido nuovi investimenti e insegnamento inglese"

Bonaccini 'Per asili nido nuovi investimenti e insegnamento inglese'
di Italpress

BOLOGNA (ITALPRESS) - Per i bambini dell'Emilia Romagna, l'insegnamento della lingue inglese dal prossimo anno sarà avviato già dagli asili nido. Lo ha confermato il presidente Stefano Bonacini in un post su Facebook. "In questi primi mesi di avvio di legislatura, con tutto ciò che ha comportato la lotta ad una drammatica pandemia che ha costretto a parecchie misure restrittive, abbiamo dovuto chiudere anche le scuole e gli asili - scrive Bonaccini - Ora e` venuto il momento di riaprire le une e gli altri. Perche' sono luoghi non solo di apprendimento, ma anche di socializzazione. Per quanto riguarda i servizi 0/3 anni, sui quali la competenza non è statale, ma regionale e comunale, abbiamo deciso di trasferire ai comuni oltre venti milioni di euro per permettere riduzione delle rette, venendo incontro a tante famiglie che hanno peggiorato la loro condizione economica a causa del lockdown". "Confermo che durante la legislatura investiremo parecchio sugli asili nido, servizi per noi essenziali per la crescita educativa dei bambini e, contemporaneamente, per permettere alle mamme di poter lavorare - aggiunge - Se l'Emilia-Romagna negli ultimi cinque anni ha sempre avuto il più alto tasso di occupazione femminile e il piu` alto numero di posti negli asili nido significa che le due cose sono assolutamente correlate l'una all'altra". "Nonostante siamo la prima regione italiana per numero di posti negli asili nido anche qui però un numero non piccolo di famiglie non riesce ad iscrivere i propri figli al nido perché mancano posti sufficienti ad accogliere tutti, sia negli asili pubblici che in quelli provati - prosegue Boanccini - Per questo confermo che faremo investimenti mai visti per quantità e qualità per realizzare nuovi asili nido e garantire che si arrivi entro pochi anni al 100% di soddisfazione della domanda. E dal prossimo anno confermo che attiveremo insegnamento della lingua inglese già dalla prima infanzia". (ITALPRESS). fil/com 07-Set-20 16:50