Tiscali.it
SEGUICI

Alluvione, Bonaccini e i sindaci all’attacco: “Così il governo ci toglie 850 milioni”

di Agenzia DIRE   
Alluvione, Bonaccini e i sindaci all’attacco: “Così il governo ci toglie 850 milioni”

BOLOGNA - Altro che più soldi per l’alluvione. Per Stefano Bonaccini, presidente dell'Emilia-Romagna, e i sindaci delle zone colpite il Governo sta in realtà sottraendo risorse. In particolare, a suscitare l’ira degli amministratori di centrosinistra è l’annunciata intenzione di destinare 300 milioni di euro dei circa 1,2 miliardi in totale messi inizialmente a disposizione delle imprese colpite (ed utilizzate in minima parte) alla ricostruzione dei privati. Per Bonaccini ciò che sta accadendo è “clamoroso”. “Se mettono 300 milioni a disposizione dell’alluvione devono spiegare perché non mettono anche gli altri 850 milioni. Spieghino agli alluvionati dove vanno quei soldi”, alza la voce il presidente. “Anziché arrivare più risorse, come tutti stanno chiedendo, ce ne toglierebbero addirittura. Mi auguro sia una notizia infondata”.Il ‘pacchetto’ da poco meno di 1,2 milioni è oggetto del primo dei tre emendamenti portati in Parlamento da amministratori e forze sociali dell’Emilia-Romagna, col favore anche di gruppi di maggioranza.

Si tratta nel dettaglio di 900 milioni per gli ammortizzatori sociali e 300 milioni per gli aiuti all’export messi a disposizione dal primo decreto sull’alluvione di maggio. Ciò che non è stato impiegato (quasi la totalità di questo budget) dovrebbe finanziare la ricostruzione dei privati: il timore di Bonaccini e dei sindaci è invece che questi fondi non spesi tornino alla spesa generale dello Stato e vengano così sottratti alla ricostruzione in Romagna, pur essendo “conteggiati” come fondi per l’alluvione.Gli altri due emendamenti riguardano rispettivamente l’utilizzo del credito di imposta sul modello del terremoto del 2012, con l’anticipo delle risorse da parte delle banche che poi verranno risarcite dallo Stato tramite detrazioni fiscali, e il rafforzamento delle strutture tecniche degli enti pubblici (spetto comuni medio-piccoli) che devono realizzare la ricostruzione. “Le cose che stiamo dicendo oggi dovevano essere fatte da mesi. Per ora siamo inascoltati, ma se verranno accolte queste proposte non è importante chi le avrà fatte. Abbiamo solo interesse a collaborare”, assicura Bonaccini rilanciando gli emendamenti durante una conferenza stampa accanto ai sindaci Michele De Pascale (Ravenna) ed Enzo Lattuca (Cesena), oltre a Marco Monesi della Città metropolitana di Bologna.“È passato un altro mese dalla lettera di Bonaccini a Meloni, dove venivano fatte queste proposte di grande buon senso e non strumentali, sottoscritte anche da esponenti della maggioranza”, ricorda De Pascale. “Ora- aggiunge il sindaco e presidente della Provincia ravennate- crediamo che la risposta debba arrivare”. “Lo diciamo da giugno”, incalza Lattuca. “C’è un miliardo di euro su un binario morto, anche se è conteggiato dal Governo quando parla di alluvione. È inspiegabile che si tengano queste risorse la’ dove sono oggi, anche perché il tempo è un fattore decisivo”.

di Agenzia DIRE   
I più recenti
Bologna piange la scomparsa del professore Gabriele Falciasecca
Bologna piange la scomparsa del professore Gabriele Falciasecca
Granchio Blu, da Regione un milione per sostenere spese imprese
Granchio Blu, da Regione un milione per sostenere spese imprese
13,8 milioni di euro a disposizione dei comuni per il bike to work
13,8 milioni di euro a disposizione dei comuni per il bike to work
Via libera al nuovo svincolo dell'A14 a Bagnacavallo
Via libera al nuovo svincolo dell'A14 a Bagnacavallo
Teleborsa
Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...