Tiscali.it
SEGUICI

Accendi l’auto e ti dice se hai bevuto (troppo)

di Agenzia DIRE   
Accendi l’auto e ti dice se hai bevuto (troppo)

BOLOGNA - Ti metti alla guida della tua auto, la accendi e il comando di avviamento ti dice se hai bevuto troppo. Insomma, anche l'alcoltest potrebbe essere superato presto dall'intelligenza artificiale. Un gruppo di ricercatori dell'Università di Modena e Reggio Emilia sta studiando infatti un sensore, piazzato all'interno del pulsante di accensione delle auto, in grado di misurare il tasso alcolemico nel sangue del guidatore, grazie a micro-componenti elettronici integrati appunto con l'intelligenza artificiale. In questo modo si potrebbero prevenire già in partenza, è proprio il caso di dirlo, gli incidenti dovuti alla guida in stato di ebbrezza. Il progetto, chiamato 'BeyonTouch', è portato avanti da quattro studenti dell'Unimore che hanno seguito un percorso formativo a sfondo imprenditoriale messo in piedi dall'Ateneo e che sono arrivati tra i 13 finalisti della Start Cup 2023, la competizione organizzata da Art-Er e Regione Emilia-Romagna per premiare idee innovative.BIOPLASTICHE, SISTEMI PER ALLUNGARE VITA BATTERIE, CASCHI ANTI-TRAUMA… ECCO LE ALTRE IDEE GENIALITra questi 13 progetti, tre start-up sono state scelte come vincitrici.

Il progetto 'Futher', realizzando da quattro dottorandi dell'Alma Mater di Bologna, si è aggiudicato il primo premio: l'obiettivo è sviluppare un processo industriale per la sintesi di molecole derivate da scarti vegetali per la produzione di bioplastiche innovative. Al secondo posto si è piazzato 'Highverter', progetto proposto da cinque ingegneri dell'Università di Parma, che riguarda un servizio di 'energy storage' per allunga la vita delle batterie in modo affidabile e sicuro. Terzo classificato il progetto 'O-Damp', anch'esso di un team dell'Università di Bologna: si tratta di un sistema di protezione integrabile nei caschi protettivi per prevenire i traumi cerebrali. I progetti finalisti dello Start Cup 2023 Emilia-Romagna sono stati valutati da una giuria tecnica composta da investitori, imprenditori ed esperti di innovazione. In palio contributi da 25.000 euro e l'accesso al Premio nazionale dell'Innovazione, in programma a Milano il 30 novembre e l'1 dicembre prossimi. Ammessi alla finale nazionale anche il progetto 'Doubledamp' dell'Università di Ferrara (un sistema innovativo per la mitigazione del rischio sismico delle costruzioni prefabbricate) e il progetto 'Risorsa' dell'Ateneo di Bologna (bio-soluzioni a base di microrganismi che aumentano resa e qualità delle colture vegetali, riducendo agenti chimici e l'uso di acqua). Menzione speciale anche per il progetto 'Ecopole3d', sempre dell'Alma Mater di Bologna, che punta a realizzare un nuovo sistema per stampare in 3D pali metallici a basso impatto ambientale, e per il progetto 'Luxia', nato nei laboratori dell'Unimore: si stratta di un sistema integrato in realtà virtuale che valuta lo stato psicofisico della persona grazie a sensori indossabili.COLLA: L'EMILIA-ROMAGNA VUOLE ESSERE ATTRATTIVA PER LE STARTUP"Le startup sono il cuore del sistema dell'innovazione e della ricerca dell'Emilia-Romagna- afferma l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla- per questo la Regione sta investendo molto sulle startup con bandi ad esse dedicati. Vogliamo essere attrattivi sulle startup così come sulle intelligenze: non a caso abbiamo realizzato una legge per attrarre e trattenere talenti, competenze avanzate così come delineato dal Patto per il lavoro e per il clima". L'Emilia-Romagna, aggiunge Colla, "con il suo ecosistema della ricerca, sta diventando un campus di innovazione trasversale rispetto alla digitalizzazione e alla sostenibilità. Le startup devono far parte di questa rete e dobbiamo aiutarle a trovare una finanza paziente, per farle crescere e diventare strutturali".

di Agenzia DIRE   

I più recenti

Granchio blu, esteso a imprese colpite accesso al fondo di solidarietà
Granchio blu, esteso a imprese colpite accesso al fondo di solidarietà
Vimi Fasteners ‘adotta’ una mensa della Caritas a Reggio Emilia
Vimi Fasteners ‘adotta’ una mensa della Caritas a Reggio Emilia
VIDEO | Uil Reggio Emilia: “Si vuole edilizia sicura? Si applichi il contratto”
VIDEO | Uil Reggio Emilia: “Si vuole edilizia sicura? Si applichi il contratto”
Sos per 57 asini a Modena: “Vogliono macellarli”
Sos per 57 asini a Modena: “Vogliono macellarli”

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...