Tiscali.it
SEGUICI

A Ravenna l’Anpi non può depositare la corona per la Liberazione, il sindaco insorge

di Agenzia DIRE   
A Ravenna l’Anpi non può depositare la corona per la Liberazione, il sindaco insorge

RAVENNA - "Non permettere ad Anpi di depositare la corona contestualmente a quella del Comune di Ravenna è un grave errore". Tuona il sindaco Michele De Pascale, dopo che questa mattina, in occasione della cerimonia di celebrazione del 79esimo anniversario della Liberazione di Ravenna, non è stato permesso all’Associazione Nazionale Partigiani d'Italia di deporre la corona in onore dei caduti, contestualmente a quella del Comune, "insieme a me, al prefetto e al direttore marittimo dell’Emilia-Romagna, come avviene tutti gli anni. Non so come questo sia potuto accadere, ma è oggettivamente un grave errore e, al di là delle responsabilità e delle motivazioni, che accerterò di persona, posso garantire che un episodio del genere non succederà mai più". Il sindaco, infatti, appena si è sono reso conto di ciò che era successo, ha voluto depositare insieme ad Anpi la corona in onore dei caduti."Ci tengo a sottolineare come l’Anpi rappresenti una realtà imprescindibile e di assoluta centralità per la nostra comunità, per la sua preziosa e costante attività di valorizzazione e promozione della memoria e del patrimonio storico-culturale dell’antifascismo e della Resistenza.

A riprova di ciò, proprio questa mattina i 18 Comuni della Provincia di Ravenna hanno sottoscritto insieme all'Anpi il primo protocollo d’intesa territoriale in Italia dedicato all’80esimo anniversario della Liberazione", conclude.I 18 Municipi ravennati, infatti, si uniscono per commemorare l’80esimo anniversario e, questa mattina nel palazzo della Provincia, nell’ambito delle iniziative per la celebrazione del 79esimo anniversario della Liberazione di Ravenna, hanno firmato un protocollo d’intesa.Assieme ai Comuni, hanno siglato l'intesa l’Anpi della provincia, appunto, l’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea in Ravenna e Provincia e dalla Fondazione Casa di Oriani. Verrà creato un gruppo di lavoro per elaborare i progetti che entreranno a far parte del calendario condiviso. Il protocollo è aperto inoltre all’adesione di altre istituzioni, in particolare scuole e università. Le celebrazioni ricoprono un arco temporale che va da ottobre 2024 ad aprile 2025, seguendo gli anniversari della Liberazione dei diversi Comuni: Cervia 22 ottobre, Casola Valsenio 29 novembre, Russi 3 dicembre, Ravenna 4 dicembre, Brisighella 5 dicembre, Faenza 17 dicembre, Bagnacavallo 21 dicembre, Cotignola, Alfonsine, Lugo, Fusignano 10 aprile, Riolo Terme, Solarolo e Bagnara di Romagna 11 aprile, Castel Bolognese e S. Agata sul Santerno 12 aprile, Conselice e Massa Lombarda 13 aprile.Si tratta, commenta De Pascale, di "molto più che un’intesa formale", bensì "della concretizzazione e della condivisione di uno degli obiettivi più significativi degli Enti locali: la valorizzazione e l’impegno alla divulgazione dei principi civici di libertà, solidarietà e uguaglianza, anche attraverso l’organizzazione di iniziative celebrative tese alla sensibilizzazione dei valori democratici espressi dalle ricorrenze istituzionali". Tutta la provincia "lavorerà dunque all’unisono" per definire e promuovere le azioni per le celebrazioni dell’ottantesimo della Liberazione, "una ricorrenza importantissima- rimarca De Pascale- che fa memoria del fondamentale ruolo del movimento partigiano affiancato all’intervento degli Alleati e della decisiva collaborazione della collettività del nostro territorio provinciale nella lotta di liberazione dal fascismo".

di Agenzia DIRE   

I più recenti

Epatite C, confermato lo screening gratuito anche per il 2024
Epatite C, confermato lo screening gratuito anche per il 2024
Grande successo per la raccolta fondi dei 57 asinelli di Modena, ma il loro destino è ancora in bilico
Grande successo per la raccolta fondi dei 57 asinelli di Modena, ma il loro destino è ancora in bilico
A Reggio Emilia esonda torrente, allagamenti a Livorno
A Reggio Emilia esonda torrente, allagamenti a Livorno
Dopo i fatti di Pisa, in piazza i licei di Bologna: “Chi manifesta prende manganellate e denunce”
Dopo i fatti di Pisa, in piazza i licei di Bologna: “Chi manifesta prende manganellate e denunce”

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...