Napoli, bimba in motorino con la sorella a spacciare droga

askanews

Napoli, (askanews) - A 15 anni consegnava la droga del clan camorristico Elia insieme alla sorellina di appena sette anni. E' accaduto a Napoli, dove i carabinieri hanno arrestato la ragazza e anche il figlio del capoclan, ritenuto responsabile di aver eseguito, da minorenne, una sventagliata di proiettili in via Toledo e ordinato l'incendio dello scooter di una donna che non pagava il "pizzo" che le avrebbe permesso di spacciare.Alla ragazza, che aiutava nell'attività illecita la madre arrestata lo scorso gennaio, viene contestata l'associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti poiché partecipava a tutti gli effetti alla gestione della piazza di spaccio, sia vendendo le dosi che consegnandole a domicilio.All'arrivo dei carabinieri è fuggita sui balconi dei quartieri, fino a rifugiarsi in un appartamento vuoto, dove è stata bloccata e arrestata.I video investigativi la immortalano impegnata a consegnare droga a domicilio: si serviva di uno scooter e come passeggera aveva anche la sorellina, poi portata in casa famiglia perché impiegata nel confezionamento di dosi di cocaina.