Vaccino, De Luca "Con impegno a ottobre saremo fuori dal calvario"

Vaccino, De Luca 'Con impegno a ottobre saremo fuori dal calvario'
di Italpress

NAPOLI (ITALPRESS) - "Voglio lanciarvi un messaggio molto semplice: se i nostri concittadini ci danno una mano e si impegnano per i prossimi due mesi, settembre e ottobre, a completare la campagna, noi a fine ottobre usciamo dal calvario". A dirlo il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della consueta diretta Facebook del venerdì. "Abbiamo fatto in questo momento oltre 7,2 milioni di vaccinazioni, 3,8 milioni hanno ricevuto almeno una dose, 3,2 milioni con doppia dose - aggiunge -. Se togliamo chi ha fatto almeno una dose, dobbiamo fare in questi due mesi 1,8 milioni di nuove vaccinazioni per arrivare ad avere 4,5 milioni di campani immunizzati, ovvero l'immunità di gregge. Basta un impegno a completare questa campagna per settembre e ottobre per tornare alla vita normale. Dipende solo da noi". Sottolineando che in estate la Campania "ha retto bene" sul fronte Covid, De Luca guarda avanti e conferma che "abbiamo deciso di riprendere la scuola in presenza. L'unica garanzia e' il vaccino. Dobbiamo sicuramente completare la campagna di vaccinazione per le ragazze e i ragazzi delle scuole superiori, dai 15 ai 18 anni, almeno questa fascia di studenti deve completare la vaccinazione. Dobbiamo farne altre 100mila. Non e' un numero fuori dalla nostra portata, abbiamo registrato un nuovo interesse. Dobbiamo fare di piu' se vogliamo mantenere le scuole aperte ed evitare di doverle chiudere". "Per elementari e medie inferiori pensiamo di procedere con i tamponi salivari che si possono fare anche in famiglia, e avere le 'classi sentinella' in ogni provincia, con l'individuazione di alcuni istituti scolastici in cui vediamo cosa succede nelle classi sotto i 15 anni. Se ci muoviamo cosi', a fine ottobre usciamo dal calvario, ma abbiamo bisogno della vostra responsabilita'", conclude De Luca lanciando infine l'ennesima bordata al sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, definito "il piu' grande disastro amministrativo non d'Italia, ma del mondo occidentale". (ITALPRESS). fsc/red 27-Ago-21 17:35