Rider aggredito a Napoli, de Magistris: “Pagina indegna e criminale”

Rider aggredito a Napoli, de Magistris: “Pagina indegna e criminale”
di Agenzia DIRE

"L'aggressione al rider avvenuta a Napoli è una pagina indegna e criminale in un momento così terribile. Evidenzia la precarietà di un lavoro non di rado espletato senza adeguate garanzie; la violenza di una banda di criminali che agisce indisturbata senza che nessuno intervenga; la desertificazione dei territori dovuta ad una pandemia che sta piegando le nostre città". Così, in una nota, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in merito all'aggressione subita da un rider, a Calata Capodichino, zona nord della città, per sottrargli il motorino. L'uomo, un cinquantenne, è stato aggredito da sei persone, nella serata del 2 gennaio, che, dopo averlo scaraventato a terra e pestato, gli hanno rubato lo scooter. La scena è stata anche ripresa da un cittadino e diffusa in rete. "Mi auguro - scrive il primo cittadino - che i responsabili di questa brutale aggressione siano presto assicurati alla giustizia e che la vittima possa ritornare a lavorare con un nuovo motociclo e con maggiore serenità. Solidarietà della citta' di Napoli al lavoratore aggredito e - conclude de Magistris - vicinanza a tutti quelli che non si fermano nonostante, non di rado, lavorino in condizioni davvero inaccettabili". MORRA: "GESTO VILE E INFAME""Sei individui hanno aggredito e malmenato un rider, padre di famiglia cinquantenne, per rubargli lo scooter a Napoli. Un gesto vile, infame, che fa rabbia e fa riflettere sulla natura di certe dinamiche criminali: 6 contro 1 per togliere il mezzo di lavoro ad un padre di famiglia! Lo Stato non può permettere questo e mi auguro che, grazie alle riprese, si possano individuare e punire questi criminali, garantendo parimenti più controlli sul territorio per prevenire il ripetersi di schifezze simili". Così su Facebook il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra."L'altra faccia della medaglia di questa storia però restituisce speranza", sottolinea Morra. "È partita una gara di solidarietà e, attraverso una raccolta fondi online, nell'arco di tre ore è stata superata la cifra di 11mila euro, destinata all'acquisto di un nuovo scooter per questo signore. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito con piccole donazioni per aiutare quest'uomo e grazie a tutti coloro che, vedendo questo video, sapranno ancora provare indignazione. Ancora di piu', durante questa crisi, lavoriamo - conclude il presidente della commissione Antimafia - per diventare umani e non rimanere bestie".