Tiscali.it
SEGUICI

In migliaia in piazza a Napoli per il funerale del musicista Cutolo

di Italpress   
In migliaia in piazza a Napoli per il funerale del musicista Cutolo

NAPOLI (ITALPRESS) - Quando la bara bianca con sopra il corno di Giogiò entra nella Chiesa del Gesù Nuovo sono da poco passate le 14, all'inizio dei funerali manca ancora un'ora, ma sia la Basilica che la piazza all'esterno sono già gremite da migliaia di persone: la città di Napoli si veste a lutto e si stringe alla famiglia di Giovanbattista Cutolo, il musicista di 24 anni ucciso sei giorni fa a colpi di pistola da un baby killer di 17 anni in seguito a una banale lite per uno scooter parcheggiato male a piazza Municipio. Il commiato è straziante per chi ha amato un giovane pieno di vita e di speranza: "Napoli sei tu, non è Gomorra, non è Mare fuori o il Boss delle cerimonie" scrive in una lettera Ludovica Cutolo, sorella di Giogiò che affida alla voce di un'amica le sue parole lette sull'altare mentre in Chiesa giungono, oltre agli amici di sempre, personaggi noti e istituzioni. C'è il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, ma anche il titolare dell'Interno, Matteo Piantedosi, che al suo arrivo saluta con un lungo abbraccio la madre di Giovanbattista, Daniela Di Maggio.

"Domani andrò dalla Premier Meloni che mi è molto vicina, la morte di mio figlio deve servire al riscatto dell'umanità" dirà la donna al termine della funzione che ha seguito accanto proprio a Piantedosi e al Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. In prima fila anche il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi e poi, tra gli altri, Sergio Costa, Pina Castiello, Roberto Speranza, Francesco Emilio Borrelli, Annarita Patriarca, Bruna Fiola e Loredana Raia. "Napoli ha bisogno di giustizia, di pace, di vita, di speranza, ha bisogno di voi" dice invece dal pulpito l'arcivescovo di Napoli, Mons. Domenico Battaglia, che presiede la cerimonia. Durante l'omelia don Mimmo si rivolge agli amici di Giogiò, fotografa la realtà e le debolezze di una città in cui "sono ancora troppi i silenzi che fanno male", ma poi invita i giovani a non scappare: "Restate e seminate tra le pietre aride dell'egoismo e della malavita il seme della solidarietà, il fiore della fraternità, la quercia della giustizia". Un incoraggiamento che viene accolto anche da Gaetano Manfredi, orgoglioso della vicinanza mostrata dalla sua città "che ha risposto con un grande popolo che ci dà grande speranza". "Dobbiamo fare di tutto per mobilitare le coscienze delle persone, ci vuole un grande impegno morale, ci vogliono fatti concreti - aggiunge il sindaco di Napoli parlando con i giornalisti a margine della funzione -. Ognuno nel suo ruolo deve assumersi sempre più responsabilità, io sono fiducioso che questo possa avvenire e oggi abbiamo avuto tanti segnali in questa direzione. I nostri giovani, per restare qui, devono avere anche delle opportunità. Il nostro impegno, l'impegno delle istituzioni, l'impegno di tutti, è di costruire le opportunità per fare in modo che i ragazzi restino nella nostra bellissima città". Una città che saluta per l'ultima volta il figlio che non ha saputo difendere: l'Inno alla Gioia, eseguito dai musicisti dell'Orchestra Scarlatti e del Conservatorio San Pietro a Majella, accompagna l'uscita del feretro dalla chiesa. Gli amici di Giogiò portano in spalla la bara bianca accolta dal lungo applauso di piazza del Gesù. Nei volti della gente, il dolore di una morte senza spiegazione, è accompagnato dalla voglia di riscatto e dalla speranza di un futuro diverso.- foto: xc9/Italpress -(ITALPRESS). xc9/pc/red 06-Set-23 20:29 .

di Italpress   

I più recenti

25 aprile, De Luca Grave che non ci sia unità su lotta al fascismo
25 aprile, De Luca Grave che non ci sia unità su lotta al fascismo
Terminati i lavori al Maschio Angioino: il 25 aprile il castello di Napoli riapre al pubblico
Terminati i lavori al Maschio Angioino: il 25 aprile il castello di Napoli riapre al pubblico
FS Sistemi Urbani presenta i suoi progetti per La Napoli che verrà
FS Sistemi Urbani presenta i suoi progetti per La Napoli che verrà
De Luca Nei prossimi anni 7 mld di investimenti per infrastrutture
De Luca Nei prossimi anni 7 mld di investimenti per infrastrutture

Le Rubriche

Alberto Flores d'Arcais

Giornalista. Nato a Roma l’11 Febbraio 1951, laureato in filosofia, ha iniziato...

Alessandro Spaventa

Accanto alla carriera da consulente e dirigente d’azienda ha sempre coltivato l...

Claudia Fusani

Vivo a Roma ma il cuore resta a Firenze dove sono nata, cresciuta e mi sono...

Carlo Di Cicco

Giornalista e scrittore, è stato vice direttore dell'Osservatore Romano sino al...

Claudio Cordova

31 anni, è fondatore e direttore del quotidiano online di Reggio Calabria Il...

Massimiliano Lussana

Nato a Bergamo 49 anni fa, studia e si laurea in diritto parlamentare a Milano...

Stefano Loffredo

Cagliaritano, laureato in Economia e commercio con Dottorato di ricerca in...

Antonella A. G. Loi

Giornalista per passione e professione. Comincio presto con tante collaborazioni...

Lidia Ginestra Giuffrida

Lidia Ginestra Giuffrida giornalista freelance, sono laureata in cooperazione...

Carlo Ferraioli

Mi sono sempre speso nella scrittura e nell'organizzazione di comunicati stampa...

Alice Bellante

Laureata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali alla LUISS Guido Carli...

Giuseppe Alberto Falci

Caltanissetta 1983, scrivo di politica per il Corriere della Sera e per il...

Michael Pontrelli

Giornalista professionista ha iniziato a lavorare nei nuovi media digitali nel...