In Campania la missione "ReaDI FP", De Luca "Aerospazio strategico"

In Campania la missione 'ReaDI FP', De Luca 'Aerospazio strategico'
di Italpress

NAPOLI (ITALPRESS) - "E' una giornata importante che rende evidente un capitolo della nostra attività politica che consideriamo strategico". Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante la conferenza stampa di presentazione della missione aerospaziale "ReaDI FP", attualmente in corso, che permetterà di studiare il problema dell'osteoporosi degli astronauti e consentirà il miglioramento delle terapie per la popolazione. "Questo progetto - ha aggiunto - dovrà anche servire a valorizzare le industrie campane che sono una eccellenza mondiale nel campo della produzione di nano-satelliti e di tecnologie spaziali. Per la Regione Campania l'aerospazio significa ricerca, creazione e costruzioni di droni per la mobilità urbana, sperimentazioni in condizioni di non gravità, di terapie innovative. Sulla ricerca la Campania ha tre linee di investimento: sul cancro, dove sono stati investiti 140 milioni di euro, nell'aerospazio e nella ricerca sull'idrogeno". Principale protagonista di questa missione aerospaziale è la società Ali coadiuvata dalla società spaziale MarsCenter e dal Dipartimento di Biologia dell'Università Federico II. Il 30 agosto scorso l'esperimento 'ReaDI FP" ha raggiunto la Stazione spaziale internazionale a bordo di una capsula Dragon della multinazionale statunitense Space X. A distanza di due giorni è arrivata dalla Nasa la conferma che il minilab contenente l'esperimento sta funzionando correttamente. "Questo progetto - ha detto l'assessore regionale all'Innovazione, Valeria Fascione - pone la Campania tra i grandi player internazionali e rappresenta la capacità della Regione di aggregare le istituzioni con il mondo della ricerca e delle imprese". Il presidente del distretto aerospaziale della Campania, Luigi Carrino, ha evidenziato come il settore campano dell'aerospazio rappresenta il 22% del mercato nazionale, con 13mila persone impiegate e altre 45mila che lavorano nell'indotto. (ITALPRESS). fpa/fsc/red 08-Set-21 14:08