Coronavirus, De Luca "Campania in zona rossa, era prevedibile"

Coronavirus, De Luca 'Campania in zona rossa, era prevedibile'
di Italpress

NAPOLI (ITALPRESS) - "Siamo arrivati ormai alla terza ondata del contagio in tutta Italia. In Campania anche oggi 2500 nuovi positivi, come negli scorsi giorni. Significa che dovremmo fare il tracciamento dei contatti almeno per 25mila persone: in queste condizioni, con il personale sanitario impegnato nelle vaccinazioni, è impossibile". Così il governatore Vincenzo De Luca nella consueta diretta social del venerdì pomeriggio per fare il punto sull'emergenza Covid. "Siamo arrivati dove era inevitabile - afferma il Presidente della Campania - La capacità di contagio delle varianti è estremamente aggressiva e tocca la popolazione più giovane ancora di più che quella anziana: la prima ragione dell'esplosione del contagio è questa. La seconda è che abbiamo avuto una serie di comportamenti scorretti in un clima di rilassamento generale. Addirittura avevamo le spiagge gremite nei fine settimana, sembrava di essere a Ferragosto. In alcune zone poi c'è un'assoluta mancanza di controllo, alcuni sindaci di grandi città non hanno fatto niente. Un contagio così generalizzato e così pericoloso è impossibile da contrastare senza un impegno straordinario. Siamo stati completamente abbandonati a noi stessi - conclude De Luca -. Come era ampiamente prevedibile ormai siamo in zona rossa". (ITALPRESS). gve/pc/red 05-Mar-21 15:37