A Ramin Bahrami il premio Penisola Sorrentina per la categoria ‘personalità internazionale’

A Ramin Bahrami il premio Penisola Sorrentina per la categoria ‘personalità internazionale’
di Agenzia DIRE

NAPOLI - Al maestro iraniano Ramin Bahrami sarà consegnato il premio Penisola Sorrentina nella categoria 'personalità internazionale' sabato 23 ottobre prossimo. A fare da cornice al riconoscimento un progetto di sperimentazione legato al rapporto tra il cinema e Bach, in particolar modo quello di Pasolini.La prima fase del cinema pasoliniano (il ciclo "nazional-popolare") si presenta come uno studio dell'èpos degli umili, degli emarginati, incentrandosi su una rappresentazione delle borgate sottoproletarie che Pasolini, con spirito agiografico laico e gramsciano, tende a "sacralizzare", giovandosi anche dell'apporto della musica "sublime" di Bach.Questo periodo si apre con la "Passione" di Accattone e si chiude con quella del Vangelo secondo Matteo. Molti sono i temi e i motivi che legano le due opere e i loro protagonisti; isomorfismo reso ancora più evidente dal comune utilizzo di alcune pagine bachiane, e in particolar modo dal Coro finale della Matthäus Passion. E Ramin Bahrami è considerato uno dei più importi interpreti di Bach al mondo. Dopo l'esecuzione dei Concerti di Johann Sebastian Bach a Lipsia nel 2009 con la Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly, la critica tedesca lo considererà: "un mago del suono, un poeta della tastiera... artista straordinario che ha il coraggio di affrontare Bach su una via veramente personale". (Leipziger volkszeitung).Incide in esclusiva per Decca-Universal. I suoi cd sono dei best seller e riscuotono sempre molto successo di pubblico e di critica tanto da indurre il Corriere della Sera a dedicargli una collana apposita per 13 settimane consecutive. È entrato cinque volte nella classifica top 100 dei dischi più venduti pop di Gfk.Le sue registrazioni vengono regolarmente trasmesse dalle maggiori emittenti internazionali.Ramin Bahrami ha scritto due libri per Mondadori e un terzo edito da Bompiani dal titolo "Nonno Bach". È stato insignito del premio "Mozart Box" per l'appassionata e coinvolgente opera di divulgazione della musica, gli è stato conferito il Premio "Città di Piacenza-Giuseppe Verdi" dedicato ai grandi protagonisti della scena musicale, riconoscimento assegnato prima di lui a Riccardo Muti, José Cura, Leo Nucci e Pier Luigi Pizzi.Sul palco del teatro comunale Tasso di Sorrento, il maestro iraniano sarà affiancato da un altro grande artista: Danilo Rea, presidente della sezione musica e cinema del Premio, che vede alla direzione artistica Mario Esposito. Se Bahrami dice che Bach gli ha salvato la vita (la sua musica è stata un'ancora di salvezza contro l'Iran di Khomeini e l'orrore della guerra), Danilo Rea coniuga la musica classica con i sentimenti e la sperimentazione tipici del jazz. Bahrami e Rea hanno inciso "Bach is in the air". Un Bach assolutamente inedito allora quello proposto dal Premio Penisola Sorrentina, che è promosso in collaborazione con il Comune di Sorrento e la Regione Campania.Un momento di grande rilievo culturale, aperto alle improvvisazioni musicali e al cinema, in quella eterna sospensione tra la "Carne e il Cielo", per usare le parole di Pier Paolo Pasolini.