‘Una nessuna centomila’, i fondi del concerto al centro antiviolenza di Reggio Calabria

‘Una  nessuna centomila’, i fondi del concerto al centro antiviolenza di Reggio Calabria
di Agenzia DIRE

REGGIO CALABRIA - Anche il centro antiviolenza sulle donne "Angela Morabito" di Reggio Calabria risulta tra i destinatari dei fondi raccolti dal concerto 'Una nessuna centomila', che si è tenuto nei giorni scorsi a Campovolo (Reggio Emilia). Sul palco Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Giorgia, Laura Pausini, Elisa, Emma e Alessandra Amoroso. Le sette artiste si sono riunite per raccogliere fondi destinati a supportare le attività di alcuni centri antiviolenza del Mezzogiorno. Rimandato per due anni, a causa della pandemia, a Campovolo è andato in scena un concerto-evento alla presenza di oltre centomila fan, che ha permesso di destinare risorse, circa 2 milioni di euro, ad alcune realtà e per la Calabria è stato individuato il centro antiviolenza "Angela Morabito".Lunedì 20 luglio a Reggio Calabria, a Palazzo Alvaro, sede della Città metropolitana, alle 11:30 verranno presentati i dettagli dell'iniziativa che renderà possibile lo sviluppo di una progettualità pluriennale ed in particolare il potenziamento di azioni mirate sull'area della Locride. I lavori saranno introdotti da Lucia Lipari per la Piccola Opera e da un video messaggio di Fiorella Mannoia dedicato all'iniziativa ed al centro antiviolenza reggino. Si susseguiranno gli interventi di Pietro Siclari, presidente della Piccola Opera, di Celeste Costantino presidente dell'Osservatorio sulla parità di genere del ministero della Cultura, e di Filippo Quartuccio, consigliere delegato alle Politiche di genere per la Città metropolitana.